Menu

Recensioni

Tracey Thorn – Tinsel and Lights

2012 - Buzzin' Fly/Strange Feelings Records
holiday music/pop

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Joy
2. Hard Candy Christmas
3. Like a Snowman
4. Maybe this Christmas
5. In the Cold, Cold Night
6. Snow
7. Snow in the sun
8. Have yourself a Merry Little Christmas
9. Tinsel and Lights
10. River
11. Taking Down the Tree
12. Sister Winter
13. 25th December (ghost track)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Tracey Thorn, classe ’62, esce dal silenzio post Everything but the Girl e, dopo varie collaborazioni, torna con Tinsel and Lights, album che si compone di cover e qualche inedito per un totale di 12 brani più una ghost track, il tutto in caramelloso tema natalizio o dicembrino in generale (sì, nord europei e anglofoni vari hanno tale mania). La voce della Thorn è maturata dagli anni ’80 e ’90 mantenendo, però, tutte le caratteristiche calde e un’intonazione impeccabile sia in note piene, suo punto forte, che nei falsetti.

Gli arrangiamenti passano dai tipici strumenti presenti nei carols più british dell’inedito Joy, dei classici Maybe This Christmas o Have yourself a Merry Little Christmas alla rivisitazione caldamente piena e piacevolmente retrò della non-correlata-al-natale In The Cold, Cold Night dei White Stripes, River (di Joni Mitchell, con soli fiati) fino a Taking Down the Tree dei Low, duettata con Green Gartside (Scritti Politti).
Anche Dolly Parton non viene tagliata fuori col risultato di una Hard Candy Christmas spogliatasi di stivali e cappello a tesa larga. A sorpresa (positiva o meno, lasciamo il beneficio del dubbio) gli Everything but the Girl si autocitano con 25th December, riesumata per l’occasione dall’album Amplified Heart.
Nel raro caso in cui vogliate ascoltare Tinsel and Lights preparatevi. Se vi piace il genere zenzero&cannella, un misto di nostalgia vacanziera vi colpirà furiosamente in meno di 40 minuti totali. In definitiva, basta ascoltare solo qualche traccia per avere l’impressione che Annie Lennox si sia fusa con Carole King o che abbiamo improvvisato un unplugged indossando maglioni di lana con le renne, circondate da addobbi e luci. Tinsel and Lights, appunto. Non molto cool, insomma. In fin dei conti parliamo di un lavoro lontano dalle luci dalle ribalta un po’ come tutti gli album del genere. Niente lode, niente infamia. Forse il tema avvilisce la portata vocale di Tracey Thorn (e consorte/socio Ben Watt, che riempie di comparsate il disco) mostrandola come una mamma che ha superato da qualche tempo gli anta, che si definisce -con parole sue- una “cantante con l’hobby del giardinaggio” e il 24 dicembre vuole la famiglia attorno al camino.

Tema che, come prevedibile, rende la raccolta un cd da esporre all’HMV della cittadina inglese media, sotto la categoria Holidays, da regalare a una zia amante del tè bevuto alla finestra del salotto appena tappezzato. Caldo e accogliente, dolce. Ma solo per amatori.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=P9GLTrmiJDQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close