Menu

Recensioni

Thee Jones Bones – Stones Of Revolution

2012 - Il Verso Del Cinghiale
southern rock/hard/blues

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. free
2. alright for you
3. out of sync
4. all for the money
5. help me
6. lost cause
7. leave this city
8. everything
9. thinkin' about
10. weekly in love
11. woody's walk

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’inizio non è dei più confortanti: Free apre le danze in maniera sommessa, acustica e lieve, ma è troppo lunga e ripetitiva e finisce per stancare dopo un paio di ascolti.

Fortunatamente Stones Of Revolution, nuovo lavoro dei bresciani Thee Jones Bones (inossidabili eroi dell’underground con alle spalle ben dieci anni di attività) non è fatto tutto di quella pasta, e lo dimostra subito la successiva Alright For You, lo-fi e stonesiana (il titolo dell’album non mente) fino al midollo. La band suona un classic rock debitore della lezione dei tardi Sixties, Rolling Stones, Hendrix e roba così, ma non solo: il boogie rock profondamente blues è contaminato con il Southern dei maestri Lynyrd Skynyrd e dei discepoli Black Crowes. Anche la matrice hard è ben presente, lo dimostra il riff AC/DC – periodo Bon Scott di Out Of Sync. Piace la patina di “sporcizia” che riveste le undici composizioni, rivelatrice di un approccio basilare e senza fronzoli alla materia trattata. Quando poi imbroccano il refrain vincente, come nella solare Help Me, intrisa di r’n’b e arricchita pure da un paio di fiati, il divertimento è assicurato. È una concezione di rock “grassa”, fieramente satura, che non teme la prolissità (l’album dura quasi un’ora, molti pezzi superano i 6 minuti di durata). Lost Cause e Leave This City sono rumorose, fuzzate e psichedeliche, Everything è una ballad distorta dagli umori sudisti, Thinkin’ About ci riporta ancora alla lezione dei fratellini Robinson. Chiude le danze la trascinante e stradaiola Woody’s Walk, tra Stones (di nuovo) e Johnny Thunders.

Stones Of Revolution è per tutti gli amanti del rock’n’roll che non hanno paura di essere definiti “revivalisti” e se ne fregano altamente delle finte innovazioni. Let’s rock, baby.

[soundcloud url=”http://api.soundcloud.com/tracks/40274457″ iframe=”true” /]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close