Menu

Recensioni

Deftones – Koy No Yokan

2012 - Reprise
alternative/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Swerve City
2.Romantic Dreams
3.Leathers
4.Poltergeist
5.Entombed
6.Graphic Nature
7.Tempest
8.Gauze
9.Rosemary
10.Goon Squad
11.What Happened to You?

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“La premonizione dell’amore”. Questo il titolo della settima prova in studio dei Deftones, band statunitense che parte dal nu-metal per sviluppare un proprio ambizioso universo sonoro.

La base di partenza del sound di questo disco è il precedente “Diamond Eyes”, in particolare dalle canzoni più melodiche (“Prince”, “976-EVIL”, “Beauty School”), ma il risultato va ben oltre tutto questo. L’iniziale “Swerve City”, un post-hardcore diretto ed efficace, in stile Helmet, con un ritornello in levare semplicemente mostruoso, mette la benza giusta per passare alla seguente “Romantic Dreams”, con una grande interpretazione di Chino Moreno. Si passa poi a “Leathers”, che riporta in “Koi No Yokan” le atmosfere tese che avevano reso “White Pony” un capolavoro. Nella successiva “Poltergeist” si sente forte la mano del bassista Sergio Vega, già nei Quicksand, che disegna un riff di basso letale su cui Chino disegna uno scream indemoniato.
“Entombed” fa sentire l’apporto del nuovo side project di Moreno (Crosses), con tracce di synth che levitano e un cantato profondo. Dopo “Graphic Nature”, abbastanza anonima, si passa all’altro singolo, “Tempest”, in cui i Deftones si danno all’alternative rock, con un altro ottimo risultato. Dopo “Gauze” c’è la sorpresa del disco: “Rosemary”, in cui la band va sul post-rock (come tra i solchi del sottovalutato “Saturday Night Wrist”) e crea una traccia da sette minuti semplicemente mozzafiato, tra cambi di tempo e riff incendiari.
La seguente “Goon Squad” ricorda da vicino Diamond Eyes e non convince del tutto, ma lascia il passo a “What Happened to You?”, una traccia finale sontuosa che chiude l’album in crescendo.

I nuovi Deftones non solo hanno riaggiustato il tiro sulla loro musica (già nel precedente disco questo era chiarissimo), ma sono arrivati a una maturità che ha del prodigioso nel suo incastrare continuamente nuove influenze nei loro lavori.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=fqaAUEx-tEo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close