Menu

Recensioni

Kitsch – All You Can Eat

2012 - Prismopaco Records
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Social Network
2. Mondo Indie
3. Zero Sbatti
4. Denise
5. Nella Melma

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I comaschi Kitsch vivono nel presente. Non vi è più nessun dubbio. Lo si capisce dai testi sempre ben radicati nell’attualità ed immersi nella disperata quotidianità, quella che fa tanto incazzare, e da oggi, anche dal formato e dalla confezione (se così possiamo chiamarla) con cui si presenta questo loro EP di 5 canzoni “All You Can Eat”: solo esclusivamente Mp3 scaricabili in rete attraverso l‘etichetta Prismopaco Records, e accompagnati da un digital-book a fumetti creato da importanti professionisti del settore che ci presenta la band attraverso tavole con tanto di eroi e cattivi, ambientate in una futuribile “big city”.

Se già il debutto “Mentre Tutto Collassa” (clicca qui per la nostra recensione), uscito nel 2010, gridava rabbia e indignazione, queste nuove canzoni non possono che essere uscite con una carica moltiplicata, visto il passo del biennio appena trascorso che ha fatto precipitare tutto in un baratro ancora più nero. Non stupisca, quindi, l’attacco fumante, tagliente e post-stoner di canzoni come Social Network che si scaglia senza indugi sulla finta facciata “plastificata” costruita dall’arrivismo imperante così come Denise, excursus e viaggio all’interno della figura femminile in un mondo corrotto dalla facile omologazione dettata da politica finta e tv spazzatura; il punto ironico sulla scena musicale italiana tra chitarre e funk danzereccio in Mondo Indie; l’urgenza di Zero Sbatti con i suoi cori che mi hanno ricordato i Timoria del loro produttore Diego Galeri, fino alla finale Nella Melma, a rappresentare la summa del Kitsch-pensiero.

Attenzione però, se volete ascoltarli, dovrete dimostrare di essere al passo coi tempi almeno quanto loro e cercarli nel posto giusto. Per un nostalgico del CD e del vinile come me un piccolo colpo al cuore. Ma il problema è solo mio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=lqBUqEDIfrg[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close