Menu

Recensioni

Solange – True

2012 - Terrible Records
r'n'b

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Losing You
2. Some Things Never Seem to Fucking Change
3. Locked In Closets
4. Lovers in the Parking Lot
5. Don’t Let Me Down
6. Look Good With Trouble
7. Bad Girls (Verdine Version)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Immagino che cercare di uscire dall’ombra di una sorella come Beyoncé sia parecchio difficile, però Solange ci prova e con questo mini album (sono solo 7 tracce) quasi ce la fa.

Non è paragonabile ad un qualsiasi lavoro della Knowels primogenita, ma qualcosa di buono c’è: la voglia di allontanarsi dal sound di famiglia, cercando un’identità più personale e variando in un range di suoni ampio, poi la presenza di una gran voce, ma quello pare faccia parte del corredo genetico, aiuta sicuramente la buona riuscita del disco.
Posso solo immaginare la frustrazione nel dover portare quel cognome e la volontà di sfondare nel campo della musica, però con True Solange se la gioca discretamente. Ok, non mi ha fatto sognare né mi è venuta voglia di mettermi un body nero e fare il movimento palmo-dorso con la mano, ma non ho skippato un brano (sì, di solito lo faccio, quando la noia la fa da padrona). Se dovessi inserirlo in un contesto direi che è un r’n’b/pop aggraziato molto femminile, senza cadere nel cliché della ragazzina. Tra tutti Losing You è senza dubbio IL pezzo.
Questo disco ha però due problemi grossissimi.
Il primo è che sembra un disco anni ’80, ascoltandolo ho subito pensato a Cindy Lauper e Madonna reggiseno a piramide.
L’altro è che urla al pubblico “ho paura del confronto: maledetto complesso di inferiorità”, il tutto dedotto dal fatto che non sperimenta né si allarga in grandi prove sul cantato, mentre le basi sono definibili come il classico investimento sicuro.

Solange, fai un bel respirone e beviti una tisana rilassante, non hai nessun motivo di vivertela così male.
La voce c’è, le basi sono ben studiate, non farti bloccare da una sorella incredibile, osa.
Se proprio poi ti va male, puoi sempre fare come chi al tuo posto c’è già stato: mostrare le tette al Super Bowl. Ed è subito prima pagina.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Hy9W_mrY_Vk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni