Menu

Recensioni

Hidden Place – Novecento

2012 - Calembour Records
electro/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Radio Avanguardia
2.Of And On
3.Between The Devil And The Blue Sea
4.Fuochi Fatui
5.Legendary Divers
6.Stunning Act
7.Ermione
8.Scenari D’Occidente
9.United (Club Mix)
10.Fuochi Fatui (Ambient Mix)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

La Calembour Records è una etichetta indipendente con base a Verona, specializzata nei sottogeneri più oscuri e atmosferici della musica elettronica. Guidata da Froxeanne dei Frozen Autumn, ha pubblicato  a dicembre 2012 il long playing Novecento, opera quarta di uno dei progetti più espressivi della scena electro-alternative italiana ovvero gli Hidden Place.

Il suono di Novecento può essere considerato un articolato mix tra Depeche Mode, Cocteau Twins e Slowdive ma salvo questi grossi nomi per inquadrare il genere, c’è subito da sottolineare che il suono degli Hidden Place, ad ogni nuovo disco, è sempre più naturale e sempre meno derivato. Novecento rappresenta la punta massima della personalità del gruppo e la consapevolezza di poter creare delle canzone di grande qualità e, parallelamente, di forte immediatezza. La formula perfetta, ancora più di Punto Luce, è Novecento con i suoi scapes-elettronici, il pathos futurista, i movimenti trascendentali e la fusione perfetta tra mente(le liriche) e il corpo(la voce).  Tutto è calibrato e recitato con enorme precisione e ci si trova di fronte uno dei prodotti electro-alternative migliori del 2012. E’ da questi particolari che si capisce come mai questo gruppo è riuscito ad entrare nel cuore e nei club di molti paesi oltre l’Italia. Malinconiche ma mai stucchevoli, le liriche rappresentano una parte essenziale dell’entità Hidden Place. Canzoni come Fuochi Fatui, Between The Devil And The Blue Sea o Ermione non avrebbero codesto fascino senza le giuste e posate parole. Proprio quest’ultima canzone ha il testo tratto da La Pioggia Nel Pineto di D’Annunzio. Un disco da denudare un poco alla volta fino vederne ogni particolare. Si potranno trovare anche dei feature  di alto livello come quelli con Handful Of Snowdrops e The Frozemn Autumn. Legendary Divers è la perfetta sintesi di quello che questi quattro ragazzi sono e non a caso è la più bella del disco. Sono sicuro che risuonerà in loop al calare della sera nello stereo di qualche appartamento o nei club più sagaci d’Italia.

Per chi non l’avesse ancora capito, la proporzione di Novecento degli Hidden Place si può rintracciare nella formula “ritmo e pensiero” ovvero fornire suoni elettronici in continua evoluzione, che mandano l’ascoltatore in un stato di trance legata alla danza  e, contemporaneamente fornire, degli input(parole, atmosfere, intonazioni) di un certo livello tale da far mettere pure il cervello in moto. E quando il corpo e il cervello iniziano a ballare in sincronia, non c’è altro da fare che elogiare l’elettronica di questo gruppo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=PTUHOvXfGhk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni