Menu

Recensioni

Lust For Youth – Growing Seeds

2012 - Other Voices Records
synth/wave

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Behind Curtains
2. It’s You
3. We Planted A Seed
4. Champagne
5. La Rouge
6. Cover Their Faces
7. Always Changing
8. Modern Life
9. We Got Lust
10. Neon Light Appear

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Lust For Youth ritorna. Dopo l’album d’esordio, Solar Flare, uscito nel 2011, il duo svedese si dimezza: Amanda Eriksson lascia, Hannes Norrvide resta.

Le sonorità, da wave, industrial e iper-rumorose che erano, si fanno meno dark; Growing Seeds è decisamente più minimal rispetto al lavoro precedente.
Norrvide si concentra sulla creazione di un synth-pop dalle geometrie oscure; lo svedese rumoroso ci porta all’interno del suo subconscio dal quale si intravede un animo tormentato e poco leggibile, come le dieci tracce che compongono l’album.
Il disco si apre con “Behind Curtains” e “It’s You”. Più cantata la prima, con cassa decisa le seconda: minimal-wave al punto giusto, un buon inizio. Con “We Planted A Seed” comincia però il declino fatto di rumori e fischi assordanti; “Champagne” difficilmente si farà ricordare e “Le Rouge” si barcamena tra industrial e ritmi psichedelici senza abbandonarsi completamente a nessuna delle due sponde.
“Cover Their Faces” è elettrica e pedante, “Always Changing” e “We Got Lust” somigliano a tante, troppe canzoni già sentite. Synth-wave per “Modern Life” ed indecisa malinconia per la traccia di chiusura “Neon Lights Appear”.

Un esperimento creativo basato su pochi suoni corrosi e sottili: dopo un’annata ricca di grandi dischi, Growing Seeds di Lust For Youth è come un seme che non è riuscito a bucare la terra.
(Se siete tra i nostalgici dei Suicide, potrete forse trovare più appagante Alcoholic’s Hymn del bel francese Koudlam).

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=iEeuHmDZQv8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni