Menu

Meteorismi

Meteorismi #7: NERI PER CASO

Meteorismi, ovvero star che, come peti, si dissolvono nell’etere

Meteorismi: una rubrica di stampo informativo con lo scopo di farvi esclamare, in ogni finale di puntata, “Vedi, c’è chi sta peggio”. Una pompata all’ego e alla curiosità, attraverso l’analisi delle fini più o meno decorose di quegli artisti definibili oneshot. Si inizi dunque, al grido di: Never ending merda.

NERI PER CASO
LA PIÙ FAMOSA BAND ITALIANA A CAPPELLA NEL MONDO.

La loro fan page di Facebook ci introduce in tal maniera, se vogliamo un po’ arrogante, nel meraviglioso mondo dei Neri Per Caso e delle cappelle.

I sei ragazzoni salernitani girano assieme – fin da piccolissimi – e invece di giocare o fare le comparse in “Un Posto Al Sole”, si dilettavano nel canto.
Grazie al loro impegno e talento, i Neri Per Caso nel ’95 si fanno conoscere al mondo con “Le Ragazze”, canzone eseguita live completamente a cappella. Per l’epoca ricordo – nonostante la mia tenera età – che la modalità di esecuzione “unplugged” fece parlare un sacco dei bei NPC, più di quanto fece la forma perfettamente sferica di Ciro Caravano.
L’altra cosa che mi ha molto segnato di quel periodo: circa nello stesso momento scoprivo il significato della parola “gay”.
Ora, non so se la mia mente diventò feconda nell’accogliere tale nozione dopo la visione del live dei NPC, fatto sta che le cose combaciarono.
Parentesi chiusa, i NPC producono il primo disco “Le Ragazze” (squadra vincente non si cambia), e subito dopo nel ’96 esce “Strumenti” in cui la loro a cappella diventa cappella e percussioni.
Subito dopo il boom nello star system, i NPC hanno fatto questo capolavoro incredibile:

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Dfb1SSDe_0g[/youtube]

“Sentimento Pentimento” non solo ha un testo che sembra scritto da un Petrarca jamaicano di Napoli

tutto gira intorno al sesso
perché il sesso tira su
ma bisogna farlo spesso
non esistono i tabù

ma ha il video più a caso – coincidenza? – nella storia dei video.
Dulcis in fundo anche loro cantano nella colonna sonora di un film Disney, e a questo punto viene da pensare che le collaborazioni con il topolone siano il primo segno di decadimento.
Altre cose per cui ci ricordiamo i nostri protagonisti non ce ne sono, le principali e uniche sono le sopracitate, sebbene si stia parlando di ALTRI livelli.

Nonostante della loro carriera nessuno sappia nulla di più, i NPC, almeno sulla carta, sono sempre stati attivi: non si parla di scioglimenti, né di cambi di formazione, né di altro, ma solo del bellissimo fallimento che li ha portati ai margini di qualsiasi scena musicale. E per margini intendo le classiche comparsate da Carlo Conti o i duetti con la cantante anonima di turno, che nella speranza di usare uno la fama e l’altro la freschezza reciproca, finiscono solo con l’affossarsi vicendevolmente in un mare di merda dove più ti dai da fare più affondi.
Le cose davvero importanti però sono due:

1.prendermi il loro amor proprio con lo scopo di risultare divertente immaginando per loro un futuro orrendo
2.e poi scoprire cosa fanno realmente ora

La prima la risolverò così:
Vorrei che almeno due avessero aperto una pizzeria, ma solo perché mi piacerebbe dessero alle pizze i nomi delle loro canzoni. “Le Ragazze” sarebbe una marinara con due uova all’occhio di bue e degli sfilacci di cavallo in cima.
Vorrei che Ciro – sì, è il mio preferito- fosse il testimonial assieme a Masciarelli di Giorno&Notte “mangi non ingrassi, dormi dimagrisci”.
Vorrei che Domenico Pablo “Mimì”, volendo rivedere il giro di soldi dei bei tempi, si fosse buttato nella produzione casalinga di droghe chimiche di bassissima qualità.
Vorrei che Massimo facesse parte del cast della Melevisione. Sarebbe un elfo bellissimo.

Ma non abitando nel Mulino che vorrei… devo purtroppo scontrarmi con la cruda realtà e, come già anticipatovi, i NPC oggi annaspano rincorrendo la gloria di cui un tempo conoscevano bene il gusto.

ALT
È successo anche dell’altro: il piccolo Massimo, in preda a qualche delirio di potenza si è dato alla politica: http://www.levanteonline.net/cultura/campania-cult/3945.html.
Il ricercatissimo e sottilissimo claim della campagna era “una voce per Salerno”: fondamentalmente Massimo andava in giro per gli auditorium del territorio a cantare il programma elettorale. A cappella.
Altro fatto molto toccante che vede protagonista il nostro biondino è una multa molto molto alta per non aver rispettato la raccolta differenziata. A dimostrazione 1. della linea durissima che il Comune vuol mantenere, che tu sia un politico o un vip o un ibrido 2. della scarsa capacità di apprendimento di Massimo.
Ma se non fosse stato per lui, a metterci un po’ di pepe, con le sue belle iniziative, qui ci saltava il Meteorismo.

Concludo: se volete ascoltare le ultime novità dei Neri Per Caso le trovate ovunque sul web, comunque non credo siano troppo interessanti, visto che la genialità del ’95 ce la possiamo sognare.
Come prevedibile Ciro ha messo su altri 30/40 kg, non chiedetemi perché, forse vuole giocarsi la carta “Show Dei Record” da Barbara D’Urso nella categoria l’uomo con il più alto peso atomico.
La loro storia deve prima di tutto insegnarci una grande verità, già manifesto di Simona Ventura:
Crederci sempre, arrendersi mai.
Anche quando “mai” dovesse diventare 15 anni di nullafacenza.


In rosso, nel cerchio, Ringo Starr ha trovato una nuova band.

Curiosità:
1. Se googlate “Neri Per Caso” tra i primi risultati c’è questo http://aziende.virgilio.it/194085/neri-per-caso-gg-srl, sorpresa!
2. Il gruppo inizialmente si chiamava CRECASON, per farvi capire che al peggio non c’è mai fine.
Se il signor Beghelli mi sta leggendo e deve lanciare un prodotto per trovare figli sperduti, mi contatti rimango a disposizione.
Sono stata pagata da un’associazione di coristi per scrivere più volte possibile la parola CAPPELLA all’interno del pezzo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati