Menu

Recensioni

Broadcast – Berberian Sound Studio

2013 - Warp
elettronica/soundtrack

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Breeze Through the Burford Spur
2. The Equestrian Vortex
3. Beautiful Hair
4. Malleus Maleficarum
5. Mark of the Devil
6. Confession Modulation
7. Monica's Fall
8. Teresa's Song (Sorrow)
9. The North Downs Dimension
10. Collatina Is Coming
11. Such Tender Things
12. Teresa, Lark of Ascension
13. Monica's Burial (Under the Junipers)
14. Found Scalded, Found Drowned
15. Monica (Her Parents Have Been Informed)
16. The Fifth Claw
17. Saducismus Triumphatus
18. The Gallops
19. They're Here, They're Under Us
20. Collatina, Mark of Damnation
21. Treatise
22. A Goblin
23. The Equestrian Library
24. The Serpent's Semen
25. Burnt at the Stake
26. All Chiffchaffs
27. The Curfew After the Massacre
28. Poultry in Mind
29. The Sacred Marriage
30. Valeria's Burial (Under the Fort)
31. Edda's Burial (Under the Clumps)
32. The Game's Up
33. It Must've Been the Magpies
34. The Dormitory Window
35. Anima di Cristo
36. His World Is My Shed
37. Collatina's Folly
38. Here Comes the Sabbath, There Goes the Cross
39. Our Darkest Sabbath

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A due anni di distanza dalla morte di Trish Kennan, uccisa nel 2011 dal virus H1N1 durante un tour in Australia, questo “Berberian Sound Studio” suona tristemente come un dovuto omaggio alla memoria dell’artista che dei Broadcast era più che una voce.
Si tratta di un progetto intrapreso con il regista Peter Strickland quando ancora Trish era in vita e nulla sembrava poter minare l’ascesa electro-pop della band britannica.
Il film è la storia di un ingegnere del suono che crolla in un vortice di (in)spiegabile follia mentre è al lavoro sulla sonorizzazione di un horror-movie all’italiana degli anni ’70, “Il Vortice Equestre”. Se il film di Strickland non è onestamente nulla di memorabile e scivola via anonimo tra le uscite cinematografiche dell’anno appena trascorso, diverso è sicuramente l’apporto dei Broadcast che mettono in piedi una sorta di feticcio enciclopedico della library music all’italiana, in grado di setacciare con classe genuina ora i Goblin e Dario Argento, ora Morricone e Nicolai, in un continuum di 39 frammenti sonori che sembrano un’inquietante viaggio etereo tra foto ingiallite e riprese sgranate.
Lontano dal capolavoro visionario “Investigate Witch Cults Of The Radio Age” – col tragico senno di poi il testamento dei Broadcast“Berberian Sound Studio” è tutto sommato un progetto suggestivo e piacevole, che soffre però la mancanza di momenti musicali veri e propri capaci di funzionare egregiamente anche senza l’ausilio delle immagini e di alzare l’asticella del puro e semplice omaggio sussidiario e programmatico ad un genere musicale e cinematografico in continua rivalutazione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=H7zIfUwwoQ0[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close