Menu

Recensioni

Local Natives – Hummingbird

2013 - Infectious
indie/pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. You & I
2. Heavy Feet
3. Ceilings
4. Black Spot
5. Breakers
6. Three Months
7. Black Balloons
8. Wooly Mammoth
9. Mt. Washington
10. Colombia
11. Bowery

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Rispetto al debutto del 2009 “Gorilla Manor”, la formazione statunitense cambia piuttosto sensibilmente direzione mollando un po’ la presa indie folk per abbracciare atmosfere più varie e votate ad un pop rock piacevole ed elegante, anche se non originalissimo.
Ma pur cambiando modus operandi, non mutano i pregi ed i difetti già evidenziati dai Nativi con il precedente lavoro: se da un lato infatti confermano di sapere scrivere e costruire belle canzoni, orecchiabili e mai troppo easy, dall’altro continuano a non brillare per peculiarità e creatività. E quindi nella colonna “pro” metto su tutto le sonorità, eleganti e caratterizzate da una facilità d’ascolto davvero notevole; il fatto poi che questa cosa appaia spontanea ed innata, e dunque non forzata né tanto meno cercata, non fa altro che accresce ulteriormente il valore delle composizioni. Contestualmente però non posso esimermi dall’appuntare sotto la voce “contro” i numerosi ammiccamenti che vanno in questo caso dai Radiohead a Jeff Buckley, passando per Fleet Foxes, Friendly Fires e The National e che, pur garantendo un’eterogeneità sonora davvero importante e gradevole, contestualmente certificano una carenza di originalità alquanto marcata.
Detto ciò, “Hummingbird” è un album che gira davvero bene, fluido, radiofonico e che ci pone al cospetto di una formazione importante e che pare ben conscia delle proprie capacità ed abilità: non sono innovatori né tanto meno sperimentatori – e quasi certamente mai lo saranno –, bensì musicisti abili nello sfruttare i propri talenti, senza esagerare e dosando bene le proprie forze, melodiche e armoniche.
Non siamo cioè di fronte a The Next Big Thing, ma ad una band che sa certamente fare bella musica. E questo secondo lavoro ne è ulteriore conferma e testimonianza.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=L1dFjloBZYo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close