Menu

Recensioni

Elio Petri – Il Bello E Il Cattivo Tempo

2013 - Cura Domestica
pop/songwriting

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Il disprezzo
2. Mascella
3. Vipera
4. Alga
5. Bruco
6. Ti farò soffrire
7. Blues
8. Capra astrale

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Diminuire (nella forma) per crescere (nella sostanza), ovvero due parentesi in meno nella ragione sociale ma tanti suoni e qualche compagno di viaggio in più: è questa in estrema sintesi la parabola del cantautore umbro “naturalizzato” romano dal precedente “Non è morto nessuno” del 2010 a questa nuova fatica.
Se da lato infatti le liriche confermano di essere di fronte ad un personaggio peculiare, talentuoso e che riesce ad apparire credibile ed interessante sia quando scrive seriamente sia quando sborda nel paradossale – emblematico in tal senso lo sfogo contro la mancanza di personalità degli elettrodomestici di “Blues”- è dal punto di vista delle sonorità e degli arrangiamenti che il Nostro compie il vero e proprio salto di qualità rispetto al passato: archi, fiati e tastiere ad amalgamarsi con suoni elettrici ed acustici per colorare e personalizzare ogni singolo pezzo e momento.
Certamente qualche “già sentito” qua e là lo si avverte, tipo la parte strumentale di “Ti farò soffrire”, bella (anche se / perché) in stile Moltheni aka Umberto Maria Giardini, oppure gli archi sulle sonorità rock sporche di “Vipera”, tipico made in Afterhours. Ma sono comunque rimandi che ci possono anche stare e che dunque si perdonano, soprattutto poi perché il buon Petri grazie a quel suo stile un po’ storto e sghembo, frutto di un cantato atipico e di liriche tendenzialmente bislacche, riesce in un modo o nell’altro a salvaguardare la propria identità artistica e ad apparire dunque autentico e genuino.
Un contributo notevole viene inoltre dai feat. di Teho Teardo e Marco Parente, in grado di marchiare i pezzi con gusto e tatto, adattandosi cioè al contesto in modo significativo ma al tempo stesso dosato e non prevaricante. In particolare, segnalo “Capra astrale”, il momento a mio avviso più elevato dell’album grazie anche ad un Parente dolce e rassicurante e con una parte strumentale finale assolutamente dirompente e coinvolgente.
Dischetto bello e gradevole, soprattutto perché inaspettato.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=okNNEDh9rZg[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close