Menu

Recensioni

Il Fieno – I Bambini Crescono

2013 - TdEproductionz
indie/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. La Quiete
2. Amos (Togli il Male Come L’Oki)
3. L’Età del Bronzo
4. Vincenzina e la Fabbrica
5. L’Adolescente

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Partiamo quasi dalla fine, con la splendida l’interpretazione di Vincenzina e la Fabbrica, cover di Enzo Jannacci: molto più rock del previsto, con un basso prepotente, temi attuali ora come allora e un’atmosfera frustrata ma di un’armonia tanto in equilibrio che da sola potrebbe risultare consolante.
Ancora rock disincantato in La Quiete, pezzo che apre l’album, seguito dalla malinconia di Amos (Togli il male Come L’Oki), con il suo disilluso testo “senza nulla in cui sperare né niente a cui appartenere” e la consapevolezza intrinseca che troppo spesso si ricorre a rimedi che, appunto, eliminano temporaneamente il dolore senza curare la causa dello stesso.
Musicalmente più allegra L’Età del Bronzo, a dimostrazione che non solo su canzoni dal retrogusto triste ci sa fare Il Fieno, mantiene comunque quel velo di scetticismo verso l’allegria sul quale la band sta costruendo la propria immagine; chiude la ballata L’Adolescente, forse il pezzo meno accattivante, che conferma però la capacità di uscire dagli schemi (schemi da loro creati, fin qui) mantenendosi su musica di buon livello e testi preziosi.
Una voce degna di nota su un suonato pulito e duttile, con un basso impeccabile e sempre in risalto, conduce l’ascolto dei cinque pezzi che compongono un EP degno di nota, da ascoltare in attesa (non troppo lunga ci si augura) di un album vero e proprio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=5UDdAY6JrCo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close