Menu

Recensioni

Tosca – Odeon

2013 - Studio !K7
eletttronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Zur Guten Ambience
2. What If
3. Heatwave
4. Jayjay
5. Soda
6. Meixner
7. Stuttgart
8. In My Brain Prinz Eugen
9. Cavallo
10. Bonjour

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sesto album in quasi vent’anni di carriera per il duo austriaco che ci presenta “Odeon” a quattro anni di distanza dal precedente lavoro.
Un album sperimentale che si apre con una splendida “Zur Guten Ambience” piena di allucinazioni, fantasie, un’apertura acida quasi narcotica e che fa da intro per il primo vero brano “What If”. Un brano pazzesco, siamo nell’elettronica pura e autorevole, contaminata, il sottosuolo, la gavetta, il fumo nei sobborghi dei locali dell’underground. Poesia autentica. Da ascoltare e riascoltare. Nessuna direzione prestabilita, “Heatwave” è meno sperimentale ma profuma anni ’80, ci sono quei colori, quelle percezioni, un cambio totale di atmosfere in uno dei brani meno riusciti dell’album. Molti richiami illustri: Depeche Mode (“Jayjay”), Faithless, The Prodigy. E’ difficile racchiudere i poliedrici Tosca in un genere musicale, c’è l’elettronica, trip hop, ambient (“Soda”), la cosa certa è solo questa: “Odeon” è un album da ascoltare di notte. Un album ‘notturno’, senza luce. L’assenza di linee guida si evidenzia soprattutto nella bellissima “Stuttgart” (può un brano con un titolo del genere avere un cantato in portoghese?), come un viaggio lontano e alienato. “In My Brain Prinz Eugen” il punto più basso, assolutamente fuori dal coro e dal contesto.
Finale dell’album indubbiamente sottotono, in netto contrasto con l’entusiasmante apertura. “Odeon” è un album a metà, per la serie ‘si poteva fare di più’.
Le premesse erano eccezionali ma qualcosa manca. Da ascoltare e giudicare. E voi ascoltatelo, ma di notte, mi raccomando.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=X_Hu7f2-AZ8[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close