Menu

Recensioni

Fast Animals And Slow Kids – Hybris

2013 - Woodworm/To Lose La Track
rock/punk/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Un pasto al giorno
2.Fammi domande
3.Combattere per l’incertezza
4.Dove sei
5.A cosa ci serve
6.Farse
7.Maria Antonietta
8.Troia
9.Calce
10.Abete
11.Treno

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I Fast Animals And Slow Kids sono una realtà molto interessante del panorama musicale indipendente italiano. Nati nel 2007 a Perugia, sono riusciti grazie ad un convincente e vigoroso EP, a crescere sempre di più fino a suonare in giro per l’Italia in lungo e in largo. Dopo Questo È Un Cioccolatino e Cavalli esce nel 2013 per Woodworm (CD) e Toloselatrack (Vinile) la loro ultima fatica che si chiama Hybris o per gli amici fonetici, Ubris.

Hybris rappresenta la lacerazione di un piccolo mondo antico che, arrivato al cedimento, erutta violenza, deraglia le emozioni e intensifica le rivalità. Una voragine nera che viene narrata nella doppia linea sonora rappresentata dalle parti più epiche e armoniche che si iniettano nella controparte violenta che, per quanto molto più punk-oriented, risulta meno veloce del previsto ma più potente, causando uno stile sonoro che può essere più simile all’impeto naturale della valanga rispetto al flagello di una tempesta estiva. Hybris per quanto sia un disco ‘strong’ è anche una creatura fragile con tante piccole hit che vengono legate da nervi invisibili, i quali contraggono le linee di demarcazione generando un’opera completa e complessa. I Fast Animals And Slow Kids fanno venire in mente varie chicche del rock e\o punk degli anni 80, come The Replacements, Minutemen, Jawbreaker e Meat Puppets, istigando quella sensazione di sapere essere attuali ma di non avere paura nel ricordarsi anche questa volta delle proprie solidi radici. Il disco va ascoltato dall’inizio alla fine, apprezzando ogni parola che esce fuori, come quando seduti in un bar, davanti ad un caffè, siamo sommersi dal rumore ma abbiamo udito per una sola persona.

Hybris è il rock potente, energetico e sincero che parla, citando il gruppo, di morte, di violenza, di solitudine, di ricordi, di fratellanza e di sogni incompiuti. La formula dei Fast Animal And Slow Kids risulta sempre più caleidoscopica con l’aumentare delle parti epiche e tragiche, generando continue immagini che si alternano a velocità diverse. Anche questa volta sono riusciti a stupire nel modo più semplice possibile: raccontando quello che ci si porta dentro tutti i giorni ma che a prima vista nessuno vuole notare.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6FO_IJ2vw7Q[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close