Menu

Recensioni

Mombu – Niger

2013 - Subsound Records
afro/grind/jazzcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Niger
2.667 A Steap Ahead Of The Devil
3.Adya Houn' To
4.Mighty Mombu
5.Carmen Patrios
6.Seketet
7.Devourer Of Millions

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Alle origini, Mombu, la creatura nebbiosa partorita tre anni fa da Luca T. Mai(sax) e Antonio Zitarelli(batteria), consisteva in un corpo free-jazz/metal-core proiettato in un contesto magico, rituale e dai rimandi afro. Il primo lavoro per quanto affascinante aveva svariate sbavatura e solo con l’arrivo del rebuilt Zombi l’opera fu pienamente compiuta e godibile. I Mombu durante il loro camminano sono diventati anche Spaccamombu portando alla luce nervature acide e psichedeliche.

In questo 2013 esce Niger, LP sotto Subsound Record che vede un forte arricchimento del sound grazie alla partecipazione di due nuovi ospiti: Marco Cinghio Mastrobuono alla chitarra e Mbar Ndiaye alle percussioni e alla voce. Niger è il silenzio del deserto e il rumore assordante delle piogge torrenziali, un continuo muoversi di note che non da tregua, tanto da percepire una nuova anima nei passaggi più metal-core. Il mix sax/batteria, questa volta più che mai segue sentieri crazy e delinea atmosfere da incubo che diventano ancora più grottesche quando arricchite dalle percussioni “nere” e dagli scapes fluviali-afro-tribali. Il jazz-core sembra un termine riduttivo di fronte alla proposta sonora dei Mombu che non accettano nessun prototipo preconfezionato e stupiscono con tracce più estese, lucidità mentale, tensione spirituale e con l’implementazione della voce di Mbar Ndiaye nella parte centrale del disco. E’ qui la chiave di svolta del disco: se con Zombi sembra di assistere ad un film voodoo, qui non c’è nessuna pellicola protettiva e l’ascoltatore è direttamente collocato al centro del rito e più passano i minuti, più tutto diventa sfocato e il confine tra musicista e ascoltatore diventa labile. Niger è lucidamente messo a fuoco, tanto da non poter trovare elementi che facciamo abbassare il valore musicale e culturale di questo disco, e non resta altro da fare che rimanere in silenzio e partecipare ad un rito che farà sanguinare la terra e crogiolare il nostro udito.

Ci sono dei sentieri oscuri in cui pochi musicisti, e ancora meno ascoltatori, vogliono addentrarsi, luoghi in cui i confini vengono riscritti costantemente e non esiste nessuna convenzione di Ginevra. Luoghi in cui il magico e la tradizione esistono ancora e che giungono a noi grazie a gente come i Mombu. Niger è un disco dove ritualità, jazz e metal-core generano ondate di calore e pulsano violenza allo stato primordiale tanto da essere un’esperienza assolutamente da provare.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=taTmMuW6gyo[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close