Menu

Recensioni

My Education – A Drink For All My Friends

2013 - Haute Magie
post/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. A Drink…
2. …For All My Friends
3. Mister 1986
4. Black Box
5. Roboter-Hohlenbewohner
6. Happy Village
7. Homunculus

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Il post rock è un genere musicale straordinario che non patisce crisi d’età. Ha regalato capolavori in passato e continua a farlo oggi. Ma sempre troppo indipendente e anarchico, sempre troppo di nascosto, emancipato, sempre troppo lontano ahimè dal grande pubblico. Il post rock è all’opposto delle masse, del mainstream delle major. È, semplicemente, da un’altra parte.

Ed è proprio in questo contesto che si muovono i My Education, qui col nuovo lavoro “A Drink for All My Friends”. La formula è la stessa, poche tracce ma lunghe, si passa dalla breve ma bellissima ed efficace introduzione “A Drink…” agli oltre undici minuti di “Happy Village”. “…For All My Friends” è il primo vero brano, emblema e simbolo musicale assoluto dell’intero album. E’ in questo brano che si capisce la direzione presa, la rotta seguita questa volta dal gruppo di Austin. Un album strumentale, non ci sono le parole ma non sono sostituite degnamente. Non siamo di fronte ad un capolavoro. Mancano le melodie armoniose, gli accordi e i motivi sognanti, il post rock ha nell’essere sperimentale la sua anima, un genere “live” e nonostante la presenza di brani prolungati e infiniti non stanca e non annoia perché varia, si evolve in corsa. Proprio quello che manca a questo lavoro. “Black Box” è come un miraggio, la traccia migliore. Anche in questo caso non si nota la varietà dei suoni, è tutto molto statico ma è un peccato che il resto dell’album non sia su questi livelli. “Roboter-Hohlenbewohner” e “Homunculus” totalmente fuori dal coro, un altro tipo di musica, due brani inseriti in un contesto completamente differente e che fanno fatica a prenderne parte. “Happy Village” è un’amabile sorpresa, relax puro ed è un piacere ascoltarla, medaglia d’argento.

Un album non all’altezza purtroppo, passato, senza un filo conduttore, una parentesi no. Se volete approfondire questo tipo di musica spingetevi su altri lidi, ne resterete incantati e attratti.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=luYThsuKbSs[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close