Menu

Recensioni

Darkthrone – The Underground Resistance

2013 - Peaceville
heavy/black/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Dead Early
2. Valkyrie
3. Lesser Men
4. The Ones You Left Behind
5. Come Warfare. The Entire Doom
6. Leave No Cross Unturned

Web

Sito Ufficiale
Facebook

In una recente intervista Fenriz ha sottolineato come “il black-metal abbia sempre avuto uno humour di fondo, caratteristica che è spesso mancata alla maggior parte di quei gruppi che, cavalcando la moda e seguendola come pecore, si sono presi sempre troppo sul serio..”. Roba insomma da far esaltare solo i ragazzini brufolosi o chi ha scoperto a trent’anni che esiste una musica estrema.

I Darkthrone, tra alti e bassi, sono sempre stati l’emblema di come si possa essere neri come la pece e liberi da ogni trend, senza che per forza tutto il contorno diventi un vero e proprio circo equestre.
Il fatto che Fenriz e Nocturno Culto, da un po’ di album a questa parte, si siano voluti allontanare dal carrozzone del metallo nero tutto face-painting, borchie e dichiarazioni di guerra, per iniziare la riscoperta delle loro influenze più remote è encomiabile.
Così, pur essendo sempre presenti i soliti richiami a Celtic Frost, Venom e Bathory, si sono aggiunti alla loro musica anche schegge derivanti dal doom, dal thrash fino ad arrivare all’ heavy metal classico.
Questo nuovo lavoro, che arriva a due anni di distanza da quel “Circle The Wagons” che con le sue influenze punk aveva fatto storcere il naso a qualcuno, risulta essere il lavoro migliore del duo norvegese dai tempi di “The Cult Is Alive”.
Rigorosamente suonati senza trigger o magie digitali varie e dotati di un suono meravigliosamente organico (ottimo il lavoro di mastering) i sei brani presenti sono stati scritti e cantati dai due in egual misura.
E così, mentre in episodi come “Lesser Men”, la nera “Dead Early” e la lunga e pesante “Come Warfare, The Entire Doom” si sente in maniera pesante la mano di Nocturno Culto che colora sapientemente di nero le influenze più punk, i restanti tre brani sono il perfetto specchio dell’ego di Fenriz, personaggio da sempre dotato di una ironia fuori dal comune e un talento musicale enorme.
I tre brani da lui composti sono sicuramente la sorpresa più grande di “The Undergrond Resistance”.
“Valkirye” è una cavalcata a metà tra i primi Helloween e i Bathory più epici, mentre “The One You Left Behind” prende a piene mani dallo speed-thrash americano anni ’80 (Agent Steel su tutti).
Il meglio arriva con i tredici minuti della conclusiva “Leave No Cross Unturned” il cui riffing iniziale mescola il thrash-metal e l’heavy-metal classico (ascoltate la voce di Fenriz) per poi diventare, per tutta la parte centrale, un macigno degno dei migliori Celtic Frost e chiudersi con un atmosfera quasi anni ’70.
I Darkthrone sono da sempre uno dei miei gruppi metal preferiti e potrei sembrare sicuramente di parte, ma il valore oggettivo di questo nuovo lavoro è indiscutibile.
Non importa che sia black, death o heavy, sempre di metal si parla, e questo “The Underground Resistance” ne è un grandissimo esempio.

PS: Sulla possibilità di vedere mai il duo di Kolbotn dal vivo vi lascio questa dichiarazione di Fenriz in persona:
“I could be rich in two years if I played live but I want to keep working in the postal industry so I can listen to music on my headphones and keep spreading other people’s music instead. EVERYONE can see who benefits the most from this idealistic way of life, but I prefer to spread others music than my own on stupid stage with sheep onlooking”.
Idolo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Juthvm7QjuM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close