Menu

Recensioni

Jamie Lidell – Jamie Lidell

2013 - Warp
electro/funk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.I’m Selfish
2.Big Love
3.What a Shame
4.Do Yourself a Faver
5.You Naked
6.why_ya_why
7.Blaming Something
8.You Know My Name
9.So Cold

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Terzo lavoro per il Cantante Inglese Jamie Lidell, genio dell’electro-funk nel firmamento musicale europeo.

Uscito il 19 Febbraio 2013 per Warp Records/Self, è stato già accolto con con entusiasmo. “Jamie Lidell” è il titolo dell’album che è stato interamente autoprodotto, composto e suonato dallo stesso artista. Recentemente si è trasferito dal Cambridgeshire a Nashville, abbandonando New York e costruendosi un proprio studio in casa. Preferisce una dimensione più umana e familiare, una città dove lui stesso dice ci sono molte persone di cuore. Parla di se stesso come un artista egoista e sostiene che la canzone che più rende il senso di questo album è proprio “I’m selfish”.
E’ un lavoro che richeggia Prince attraverso una musica sempre più elettronica e un po’ meno soul.
La copertina rappresenta la faccia dell’artista, l’album è forte, anche esasperato per chi conosce l’artista dai suoi esordi.
Non c’è niente di “Another day” del suo primo album “Jim”, dove aveva dimostrato enormi capacità compositive e vocali con la black music. Il suono è stravolto ed a volte forzato. E’ stato dato troppo spazio all’elettronica e poco poco alla musica afroamericana, quella che da sempre aveva ispirato davvero i primi lavori di Jamie Lidell.
Un album innovativo, ma deludente forse per quelli che si sono innamorati soltanto delle sue capacità compositive in stile Stevie Wonder.
Se il tentativo era quello di cercare un pubblico più ampio, non so quanto i musicali questo album è un po’ un cambio di musicalità.

Brani da ascoltare :“Why_ya_why”, “What a Shame”, “You naked”, “Big love”.

Questo lavoro potrebbe dividere il pubblico in due ma rimane comunque il talento di un bravissimo artista, particolare e capace anche di rinnovarsi musicalmente negli anni, rimanendo fedele alle sue origini.
A voi la scelta: preferite il Jamie Lidell melodico e black o quello esasperato ed elettronico?

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close