Menu

Recensioni

Thaw – Thaw

2013 - Avantgarde Music
black/metal/drone/sludge

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Gate
2. Ancestors
3. Divine Light
4. Kiara
5. World's Grave
6. Hunted Prey
7. Under the Slag Heap

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Thaw: disgelo, distensione. Il gruppo polacco non avrebbe potuto scegliere nome migliore per condensare in una parola un impasto sonoro che ha la stessa improvvisa forza distruttrice di un ghiacciaio millenario che si infrange, liberando una mole immensa di violenza metallica, non a caso simile alle ultime cose di Altar Of Plagues, Monarch, Jucifer e Amenra, gruppi coi quali i Thaw hanno condiviso il palco ed evidentemente anche una certa idea di musica, intesa come arma letale fatta di distorta e pesantissima psichedelia.

Portati al debutto dalla nostrana Avantgarde Music, i quattro di Sosnowiec rivelano un inquietante scheletro black metal di base, che emerge dalle atmosfere funeree e dall’affilato riffingwork, sul quale si dispiega, come un sudario, un corposo e paludoso strato di noise, ben evidente sin dall’opener “The Gate”. Il nucleo fondante dell’album rimane però evidentemente metallico, come un ipotetico crocevia sonoro fra sludge (“Ancestors”), drone (“Kiara”) e autentico black (“World’s Grave”), nel quale i polacchi si muovono con invidiabile naturalezza e maestria. “Thaw” è un album che non conosce requie o silenzi, un’unica jam-session, densa e tridimensionale, nella quale ogni brano è collegato al seguente senza alcuna soluzione di continuità.

Sotto un certo punto di vista band come Thaw, Regarde Les Hommes Tomber e Altar Of Plagues stanno effettivamente condensando e sintetizzando un nuovo modo di fare black, basato non sul tradizionale gelo nordico (Taake), o sui tecnicismi liturgici (Deathspell Omega), bensì su densissimi suoni e atmosfere prese di peso da Swans, Sunn o))) e Neurosis, gente che, in quanto a connotazioni intrinsecamente black, non è seconda a nessun gruppo di panda brucia-chiese. Il vero volto dell’attuale estremismo sonoro virato al nero.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=BX0bMhgCKxc[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close