Menu

Recensioni

W.H.I.T.E. – III

2013 - Aagoo Records
elettronica/sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. III
2. I Wasn’t Afraid
3. Can’t Fight the Feeling
4. Friends
5. Pretty Creatures
6. Demons
7. Deep Water
8. Lost
9. Swim
10. Wet Jets
11. Building On

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Ho iniziato a scrivere con in testa l’idea di John Lennon che stava registrando sulla luna con Cluster e Eno alla produzione e Moby al mixaggio”: chi parla è Cory Thomas Hanson, in arte W.H.I.T.E., chiamato a commentare in pochi versi il suo terzo lavoro solista.

Eccesso di ironia o totale mancanza di un minimo senso della misura? Difficile da comprendere, poichè ascoltando le trame di questo nuovo lavoro si rimane totalmente intrappolati in una ragnatela di eteree sensazioni da cui difficilmente si riuscirà a districarsi fino al termine dell’ascolto.
Le canzoni di “III” sono fatte della stessa sostanza delle nuvole, non hanno contorni ben definiti, si prestano a fantasiose interpretazioni e rapidamente si dissolvono senza lasciare alcuna traccia.
Bastano due tracce per fare un grande disco, due piccoli gioielli di una dolcezza struggente, in grado di avvolgere morbidamente in un senso di quiete e di temporanea pace dei sensi: sto parlando di “Friends” e “Demons”. Come sanno i veri artisti, due vere canzoni sono più che sufficienti per fare un album: il resto è pura cornice, seppur intarsiata finemente e laccata in finto oro.
Una cornice che racchiude il dagherrotipo di un’anima candida, un sogno dentro un sogno che sembra non voler mai decollare, eppur si fa strada e scava dentro in modo paziente, implacabile ed indefinito.

W.H.I.T.E., novello Re Mida, sceglie e manipola gli elementi alchemici primordiali alla ricerca insperata della sua Pietra Filosofale. Forse non sa neanche lui cosa ha fatto, non è da tutti riuscire a toccare certe corde che, pur invisibili, comandano tutto il resto. In alcuni casi questa si potrebbe chiamare magia: io per convenienza (poiché mi attengo al reale, posso sfiorare l’immaginario ma non perdermi nel magico) mi limiterò a definirla una Inception sonora in tinte pastello. E scusate se è poco.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=j1h-laSj0vQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close