Menu

Recensioni

Skid Row – United World Rebellion – Chapter One

2013 - Megaforce Records
hard/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Kings of Demolition
2. Let’s Go
3. This Is Killing Me
4. Get Up
5. Stitches

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gli Skid Row rappresentano la classica band che puoi solo o odiare o amare: non esistono mezze misure. Nati nel New Jersey nel 1986, sono un gruppo musicale heavy metal molto controverso sul quale si è da sempre discusso molto. È nel 1996 che i fans si sono nettamente divisi, quando il frontman dell’epoca, Sebastian Bach, decise di abbandonare in seguito a vari contrasti interni: da allora, i consensi si sono estremamente ridotti e la popolarità alla quale erano riusciti a giungere è andata calando progressivamente.

Col passare degli anni, la formazione ha subito varie modifiche e ora Sabo e co., con “United World Rebellion – Chapter One” (il primo di tre EP che compongono un album intitolato per l’appunto “United World Rebellion”), tornano alle origini e all’antico sound che li ha portati alla celebrità, disinteressandosi del confronto con le origini che inevitabilmente rischiano di rievocare.
Uscito il 24 maggio in Europa per la Megaforce Records, il Cd comprende cinque tracce (nel Regno Unito, due tracce bonus in più) in puro stile rock, estremamente potente oltre che convincente. I suoi punti di forza sono evidentemente la solidità e la velocità del sound, in pieno stile Skid Row, senza però risultare una brutta copia di se stessi.
I brani scorrono veloci uno dopo l’altro, la potente “Kings of Demolition” che apre l’ep convince: 4 minuti di sound e testo potenti, probabilmente la traccia meglio riuscita dell’album.
Segue “Let’s go” (che nonostante sia adrenalinica e interessante a livello melodico, ha un testo il cui spessore è praticamente inesistente) e altre 3 canzoni che purtroppo non si distinguono per nessuna caratteristica degna di nota.

“United World Rebellion – Chapter One”, nonostante non contenga una traccia memorabile o comunque che rimanga impressa, non è un EP da scartare a prescindere: rivela il grande potenziale, già rivelato in precedenza, del gruppo statunitense, che nonostante gli anni e le difficoltà, sono riusciti quantomeno a ricordarci gli albori di un tempo senza annoiare.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=I2SOlZf_nN4[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close