Bibliophobia

Mio Padre È Stato Anche Beppe Viola, di Marina Viola

Titolo Originale: id.
Autore: Marina Viola
Anno di pubblicazione: 2013
Casa Editrice: Feltrinelli
Pagine: 170
Prezzo: € 14
Voto: 7.5

Trama
810LLhwKI9L._SL1500_Questa è la storia di una figlia cresciuta quasi senza padre o per meglio dire, è la storia di un’adolescente che il padre lo ha perso una domenica sera di oltre trent’anni fa, che poi questi fosse Beppe Viola, icona satirica del giornalismo sportivo, poco le importa perché solo incidentalmente il giornalista e il padre si somigliano, solo per pura coincidenza.

Recensione
La vita di una famiglia e di mille amicizie viene spezzata una sera di ottobre del 1982, quando Giuseppe Viola, in arte Beppe, si accascia sulla sua Olivetti mentre era intento a commentare un 2 a 2 tra Inter e Napoli, già perché se non lo sapete Viola era un giornalista sportivo e molto più: era sceneggiatore, paroliere di Jannacci, era Milanese e Milanista, fancazzista a 360 gradi, ma era anche, per Marina e le sue tre sorelle, un padre come tanti ma al tempo stesso differente e pazzamente innamorato della vita e delle sue figlie, uno che veniva fermato per strada alla domanda: “Ma scusi lei è Beppe Viola !?!?” ma che mosso da un moto di strano riserbo osservava l’interlocutore e diceva: ”Sa me lo dicono in molti ma mi spiace non sono io”. In quasi 170 pagine la secondogenita del ‘fu Beppe’, raccoglie due anni di testimonianze e ricordi, ripercorrendo la sua infanzia, le estati al mare, i nonni e la scuola, le domeniche passate in RAI assieme al padre e le sorelle, ma che si ricorda anche il dopo, chi le è stato vicino e come non sia mai riuscita a dimenticarsi completamente quel gigante sovrappeso di suo padre. Un libro quindi scritto sia per ricordare ma anche per ‘andare avanti’ nel tentativo di esorcizzare il ricordo scomodo di un padre che in eredità ti ha lasciato un umorismo nero e centinaia di articoli e lavori di rara efficacia. Da leggere se siete appassionati di ‘Pepinoeu’ ma anche solo se desiderate avvicinarvi a una storia di casa nostra: nata fra le pieghe del dopoguerra, affievolita una domenica di metà ottobre del 1982, ma anche una storia che fortunatamente non accenna a spegnersi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Bsl3sNvBKRE[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

www.impattosonoro.it utilizza i cookies per offrirti un´esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l´impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Scoprine di più | Chiudi