Menu

Recensioni

Altar Of Plagues – Teethed Glory And Injury

2013 - Candlelight
post/black-metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Mills
2. God Alone
3. A Body Shrouded
4. Burnt Year
5. Twelve Was Ruin
6. A Remedy And A Fever
7. Scald Scar Of Water
8. Found Oval And Final
9. Reflection Pulse Remains

Web

Sito Ufficiale
Facebook

E’ un disco che spiazza questo nuovo lavoro degli Altar of Plagues.
La giovane band irlandese infatti, dopo due ottimi album e un ep, chiude la sua carriera (è di poche giorni fa l’annuncio del loro scioglimentoa fine anno) con un album, questo “Teethed Glory And Injury”, che è destinato a lasciare un segno.
Partiti dall’ottimo mix di black-metal, suggestioni post-rock e abissi drone alla Khanate di “White Tomb”, hanno portato il loro sound ad un evoluzione insperata.

Questo ultimo lavoro è infatti un ulteriore passo avanti rispetto al precedente “Mammal”, disco che già aveva fatto intuire quanto gli irlandesi fossero propensi a esplorare nuovi orizzonti sonori.
Registrato sotto la supervisione di Jaime Gomez Arellano nei suoi Orgone Studio (Ghost, Ulver, Cathedral e Guapo, per citare alcuni nomi), “Teethed Glory And Injury” si presenta originale anche dal punto di vista sonoro, con una produzione definita, acida e tagliente, che lascia ampio spazio all’elettronica, diventata vera colonna portante nell’economia di questo disco.
Esempio perfetto è “Mills”, epica traccia di apertura che mescola alla perfezione delle chitarre tappeti elettronici e scariche noise che sfociano nell’attacco violentissimo della successiva “God Alone”, dove blast-beats e dissonanze alla Voivod si incrociano a droni subsonici che aumentano la tensione, per poi spezzarla nella successiva e più pacata “A Body Shrouded”.
Tutto il lavoro è assimilabile come fosse una lunga canzone suddivisa in movimenti e ogni pezzo, la cui durata media è drasticamente diminuita rispetto al passato, è collegato sia dal punto di vista musicale che narrativo a quello successivo, il tutto a formare un continuum complesso e che necessita di numerosi ascolti per essere apprezzato a pieno.
Ne è l’esempio perfetto “Burnt Year” la cui la tensione esplosiva e catastrofica sfocia nella pace siderale della prima parte di “Remedy And a Fever”, lunga suite dalla mutevole e psicotica parte centrale le cui mille sfumature sono tutte da scoprire.
La splendida “Twelve Was Ruin” apre le porte alla seconda metà del disco e ricorda molto da vicino i Deathspell Omega di “Si Monumentum Requires…Cimcumspice”, così come “Scar Scald Of Water” con le sue melodie inquietanti e inusuali.
“Found Oval and Final”, con le sue contorsioni chitarristiche fa da ponte per arrivare a “Reflection Pulse Remains” ultimo brano dal flavour decadente e triste che chiude degnamente un disco e una carriera meravigliosi.

Con “Teethed Glory And Injury” si chiude la carriera di una delle band che, in pochi anni, ha saputo evolversi in maniera intelligente e originale, inglobando e fondendo influenze assai diverse per creare un sound personale e coinvolgente.
Disco che si piazza senza dubbio nelle posizioni altissime tra le migliori uscite dell’anno in campo estremo (aspettando le uscite imminenti di Gorguts e Ulcerate).

La band sarà protagonista dal vivo per l’ultima volta il 19 Ottobre all’Unsound Festival in Polonia. Da lì in poi occhi e orecchie puntate sul nuovo progetto di Jamess, Wife.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=RbfieYwl4aQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close