Menu

Recensioni

What A Funk – Ep

2013 - Autoproduzione
funk/rock/crossover

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Keep the Fade
2. Fist o' Funk
3. Funk 'em All
4. Empty State of Gold
5. Trash Clash Planet
6. Sweet Home
7. Flush
8. What A Dude

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Si chiamano What A Funk, sono emiliani, sono giovani e sono un trio. Mischiano l’allegria fuori di testa del Funk con i suoni rozzi e sporchi del Grunge e con l’energia ribelle del Crossover. Il risultato di questa folle ed esplosiva insalata è “EP”, il loro EP rigorosamente autoprodotto (potevate immaginare nome più semplice di questo?).

Dalla prima all’ultima traccia “EP” è un chiaro invito alla ribellione, un invito schietto e senza mezzi termini. Esplicito. Il nemico è ancora una volta il triste sistema e le sue regole. Dall’altra parte della linea rossa ci siamo di nuovo tutti noi, protagonisti ma dormienti e privi di stimoli. Poi c’è la musica che ha l’incarico di farci uscire dal sonno catatonico in qualche modo e farci reagire. E quale miglior sveglia di un mix perfetto di generi, carico e sovversivo?
Da “Keep The Fade” a “What A Dude” il ritmo è frenetico e chi ascolta ha difficoltà a stare fermo, ovunque si trovi in quel momento. Una scarica elettrica di energia pura dritta nelle orecchie, sparata nel cervello e da lì trasmessa ad ogni singolo nervo del corpo. Un terremoto interno, una scossa per l’anima.
La frenesia rallenta un po’ con l’ultima traccia, senza però perdersi d’animo e rimanendo coerente con il resto movimentato dell’EP.
Salta subito all’occhio, o meglio all’orecchio, l’influenza dei Rage Against The Machine e dei Red Hot Chili Peppers dei primi tempi.
Cattivo e al tempo stesso allegro, avrete voglia di riascoltare “EP” a ripetizione. Non annoia mai e non ha mai momenti di debolezza o stanchezza. D’altronde la rivolta è un lavoro duro e bisogna essere determinati a farla. L’unica pecca forse è l’assenza di brani in italiano… Il messaggio sarebbe ancora più chiaro.
Otto tempeste elettriche, genuine e senza particolari effetti in modo tale da mantenere il suono degli strumenti e della voce più autentico possibile. Suoni semplici per un “EP” semplice fatto con la buona e vecchia triade chitarra-basso-batteria. Il quarto elemento è una bella voce ruvida un po’ alla Cobain.

Da ascoltare tassativamente ad alto volume.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=FgH1usHorLM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close