Menu

Recensioni

Northless – World Keeps Sinking

2013 - Gilead Media
sludge/post-core

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Last of Your Kind
2.Kuru
3.World Keeps Sinking
4.Communion
5.Passage
6.Wither and Escape
7.Returnless

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Gli americani Northless suonano un apocalittico e arcigno sludge metal, per molti versi vicino ai Mastodon di Remission. In entrambi i casi si tratta di band impegnate nella composizione di tracce ancora legate a doppio filo alla violenza iconoclasta dell’hardcore (stile Today Is The Day), ma altrettanto aperte alla sperimentazione e contaminazione con sonorità più dilatate e atmosferiche, indispensabili per descrivere scenari e situazioni non soltanto apocalittici, ma anche introspettivi.

Questa, in sintesi, la carta d’identità del quartetto del Wisconsin, che col nuovo World Keeps Sinking mostra tutta la sua integrità, grazie a un lotto di brani ad alto peso specifico, strutturati concentricamente attorno a Passage, epica avventura di oltre 15 minuti, che varca spesso le soglie dell’ambient-drone, senza abbandonare la livida pesantezza delle proprie ruvide trame chitarristiche.
L’impasto sonoro della band è costantemente greve e materico, come un slavina di fango e detriti (Last of Your Kind) che avvolge l’ascoltatore in un vortice di tribolazione, ben rappresentato dalle vocals di Erik Stenglein, narratore di questo ipotetico (ma non troppo) mondo alla fine del mondo.
Gli habitué dei vari Neurosis, Minsk, Rwake, non avranno alcuna difficoltà a immergersi nel mar nero solcato dai Northless, che nello spazio delle poche uscite discografiche edite finora hanno già dimostrato di possedere notevoli potenzialità e mezzi, sia compositivi che interpretativi, grazie ai quali un disco ponderoso e monolitico come World Keeps Sinking suona tuttavia fresco e spontaneo.

Una band di genere, di per sé non imprescindibile o innovativa, ma da tenere sicuramente in debita considerazione, alla stregua di altre più note e blasonate realtà artistiche, non sempre in grado di essere all’altezza del proprio illustre passato discografico.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=sbL4koslzNM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close