Menu

Winter Severity Index – Survival Rate

Survival Rate non è solamente il misterioso e seducente Altro -la donna da molti concepita- e si sottrae al funzionamento biologico di certa musica al femminile.

L’autrice del progetto Winter Severity Index, Simona Ferrucci, non sceglie di indossare leggings di pessimo gusto e di cantare un pop porno. In questo secondo EP porta avanti la ricerca di un sound che vuole dirsi individuo e non femminilità poco convenzionale. La chitarra cessa di essere uno strumento passivo e feconda le porte di una cold wave che non sta nel giorno e nella notte, nel maschile e femminile, ma nella purezza. In un punto neutro che è tramonto sussurrato in preghiera. E quando arrivano le mani di un uomo (nel remake di Vesperbild) si genera contaminazione, il vero incontro, il remix nel sen(s)o filologicamente più puro: l’intreccio del corpo del suono è respiro sincronico.
L’EP, situato come Persefone tra l’oltretomba e la terra, chiude la collaborazione con Mushy e anticipa l’uscita del primo full lenght. E sin dalla copertina, dove sono impresse la mano della giovane Ferrucci e quella di sua nonna, è un invito a mantenere puro il nostro essere anche se questo dovesse farsi sporco e consumato. La dolorosa consapevolezza dell’introspezione può condurre all’acqua più limpida e quindi alla ricchezza spirituale. Senza martini e senza lacca esistono eroine in grado di rivoltare il muro del suono femminile italiano con la loro chitarra.

Che il Cielo le protegga dalle brutte canzoni!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Close