Menu

Recensioni

Katatonia – Dethroned & Uncrowed

2013 - Kscope
metal/ambient

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. The Parting
2. The One You Are Looking For Is Not Here
3. Hypnone
4. The Racing Heart
5. Buildings
6. Leech
7. Ambitions
8. Undo You
9. Lethean
10. First Prayer
11. Dead Letters

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Ad un anno dall’uscita di Dead End Kings, i Katatonia consegnano alle stampe Dethroned & Uncrowned, una rielaborazione del loro ultimo album, eliminando batteria, chitarre elettriche ed implementando gli aspetti ambient ed acustici: una bella sfida per il gruppo che nel ’93 esordiva con Dance Of December Souls, un disco di death/doom metal.

A pensarci bene però, la voce di Jonas Renkse risultò ben presto molto più adatta ad uno stile di cantato pulito, o comunque non metal estremo. Già il loro terzo album, Discouraged Ones, rifletteva questa volontà di ammorbidire il suono, inseguendo una dimensione più personale che col tempo ha portato i Katatonia ad diventare maestri nel creare atmosfere dark-rock dalle venature prog.
Per chi avesse già ascoltato Dead End Kings, questo disco può, a primo impatto, risultare non pienamente convincente in alcune tracce o solo in sporadici momenti: nell’opener The Parting, ad esempio, o in The One You Are Looking For Is Not Here le dinamiche alterate a supporto di una linea vocale che rimane essenzialmente uguale, senza venire riarrangiata anch’essa, può non convincere immediatamente. Basta però proseguire nell’ascolto per scoprire come in realtà le canzoni di Dead End Kings possiedano celate sfumature oscure, da dark unplugged. Da sottolineare come Undo You, una traccia che nell’album “originale” rimane più in ombra rispetto alle altre, assuma qui più, paradossalmente, più incisività; stesso discorso per First Prayer, dove la linea vocale nei ritornelli viene resa più ampia e profonda, ad infilarsi all’istante in testa.

Dethroned & Uncrowned è sì una rivisitazione dunque, ma rappresenta anche la consapevolezza di una band per la quale non sussistono vincoli a questo tipo di sperimentazioni. Il risultato è infatti godibilissimo ed anzi, per alcune canzoni è dura stabilire se sia migliore il rifacimento o l’originale. La band svedese, inoltre, ha appena annunciato che dal prossimo anno queste canzoni verranno portate in tour: sarà molto interessante ascoltare la realizzazione in sede live di questo disco, i Katatonia stanno portando un certo tipo di musica, a un tempo buia e progressive, verso insoliti lidi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=9AsIqq8JTn4[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close