Menu

Recensioni

Mooth – Slow Sun

2013 - Martiné Records
sludge/doom/stoner/hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Debra DeSanto Was A Heartbreaker
2.Mdma
3.Skeletons
4.Bloodrop 
5.Red Carpet On The Hillside 
6.Viscera 
7.Black Host 
8.Fletcher McGee

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Nati nel 2006 come K?an, i pavesini Mooth sono un interessante quartetto stoner-noise molto sui generis, dotato degli attributi necessari ad appassionare e coinvolgere un pubblico trasversale ed eterogeneo, per background culturale, preferenze artistiche e mera anagrafica.

Il contenuto di questo Slow Sun (edito in collaborazione con l’etichetta concittadina Martiné Records) è infatti quanto mai ricco e valido, di suoni, sfumature, atmosfere, e senza mai esagerare in quantità si destreggia abilmente fra le problematiche cifre stilistiche sludge, math-rock e post-punk, evitando di aderire pedissequamente a nessuna. Ne risultano due caratteristiche di base, fondamentali per ogni band che si rispetti: personalità e riconoscibilità. Brani freschi e spontanei come l’ottima quanto ironica opener Debra DeSanto Was A Heartbreaker ne sono colmi, anche se a livello compositivo le strutture compositive rimangono piuttosto semplici e lineari. Dimostrazione di come spesso non serva complicarsi inutilmente la vita per aspirare ad un pizzico di originalità.
Le chitarre di Claudio Bigio e del frontman Cosimo Cinieri evocano intriganti trascorsi a stelle e strisce, orientativamente fra i deserti dei Kyuss e l’anticonformismo dei Tool di Opiate, guidando la band lungo scorribande ritmiche cariche di groove e profonde vibrazioni (Bloodrop, Black Host). Ruvido e polveroso, senza sfociare nella brutalità fine a se stessa, il sound dei Mooth è malleabile ma altrettanto solido, e si piega senza problemi alle necessità comunicative del gruppo.

Registrato in soli cinque giorni presso i Downtown studios, insieme a William Novati, Slow Sun fotografa un gruppo lucido e consapevole, che malgrado l’ancora recente formazione, possiede già notevoli capacità ed esperienza. Provare per credere, magari proprio sotto il palco, attualmente condiviso coi lanciatissimi Zeus!

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close