Menu

Recensioni

Goldfrapp – Tales Of Us

2013 - Mute
folktronica

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Jo
2. Annabel
3. Drew
4. Ulla
5. Alvar
6. Thea
7. Simone
8. Stranger
9. Laurel
10. Clay

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Sesto lavoro targato Goldfrapp. Sesto capitolo o parentesi. Ogni album un cambio totale di atmosfere, ogni lavoro totalmente differente dal precedente. Nuovi suoni, nuovo concept. Sei album che rendono i Goldfrapp il gruppo dal genere musicale indefinibile. E c’era molta curiosità nel comprendere la direzione intrapresa stavolta dal duo inglese.

La struttura è di quelle geniali: dieci tracce, dieci nomi ad eccezione di “Stranger”. Dieci storie. Ogni canzone la colonna sonora di altrettanti racconti. E’ musica ‘da narrazione’ e ci rendiamo conto subito dell’atmosfera da fiaba, un mondo colorato, immaginario, irreale. La voce di Alison sempre inconfondibile e al suo posto anche se a volte può risultare perfino di troppo nel contesto sonoro. I videoclip di “Drew” ed “Annabel” (musicalmente una delle tracce migliori), rispettivamente primo e secondo singolo dell’album, sono chiaramente la trasposizione visiva della concezione di “Tales of Us”. Due brani bohemien, leggeri, in un album cantastorie. Il cantastorie è quella figura della cultura folklorica che si spostava nelle piazze e raccontava con il canto una storia. Usava uno strumento musicale e si aiutava con un cartellone dove veniva raffigurata la storia. Tutto questo è esattamente “Tales of Us”. L’ottima “Ulla” sembra quasi venir fuori da “Mezzanine”, “Stranger” è un film in bianco e una macchina in corsa, da un passato e da un mondo lontano.
Bisognerebbe partire dal principio, da quel “Felt Mountain” di tredici anni fa ed ascoltare la biografia musicale di questo gruppo in ordine cronologico. Solo così si può entrare a pieno nell’universo Goldfrapp e capire totalmente quest’ultimo capitolo.

Un lavoro fuori dal mercato attuale e dalle logiche pop, audace e che difficilmente raggiungerà i successi di “Supernature” e “Head First” che avevano trasportato il gruppo su una piattaforma dance. E forse, chissà, è meglio così.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=wCzoTQqEoFg[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close