Menu

Recensioni

Stoner Kebab – Simon

2013 - Santa Valvola Records
stoner/doom

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Saint Lucy
2. Mad Donna
3. My Cold Jackson
4. Sex Sex Sex
5. New Evil Trough Evil
6. The Monster

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Avevano ben impressionato con il precedente Superdoom del 2010 gli italianissimi (toscani per la precisione) Stoner Kebab, proponendosi come una delle migliori realtà in ambito Heavy Psych.

Il nuovo disco si chiama Simon ed è un concept: 6 lunghe tracce (più una fantasma) che narrano di un piccolo messia (Simon, appunto) trascinato da Lucifero in persona in un viaggio onirico all’interno degli istinti – più o meno bestiali – dell’essere umano.
L’impalcatura sonora costruita attorno alla narrazione viene rivestita di diversi materiali, tutti facenti parte dell’universo Heavy: Doom, Progressive, Stoner, Sludge, Psichedelia, ogni elemento/genere concorre a costruire un affresco che al primo impatto potrà anche sembrare ostico (si apre con Saint Lucy, riffone alla Candlemass, parte centrale proto grunge, delirio heavy psych in coda, pezzo di ben 13 minuti) ma che riserva notevoli sorprese, a cominciare dalla produzione potente e “sludgy” (nulla da invidiare alle cose che escono su Relapse/Southern Lord) fino ai cambi di atmosfera repentini quanto azzeccati: in My Cold Jackson un assalto a metà strada tra Fu Manchu e Clutch viene spezzato da una nenia cantilenante subito massacrata da bordate fuzz/doom ossianiche da sturbo. Sex Sex Sex si apre con un atmosferico intro di sitar per poi essere frantumata da martellate hyper-doom incessanti che si trasmutano ancora in cattivissimi riffs hard seventies e in un inserto melodico che rimanda ai Tool periodo Aenima; forse il miglior momento dell’album.
Evidente, in tutte le composizioni, l’intento “progressivo” della band, ovvero rendere complesso ed intricato (ma senza mai indulgere in inutili virtuosismi) l’incubo sonico approntato con estrema efficacia, intento che li fa avvicinare concettualmente a bands moderne come Mastodon e Baroness.

Insieme agli Isaak (ex Gandhi’s Gunn) gli Stoner Kebab si confermano punta di diamante della nostra scena Stoner/Doom.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=_51I2uW1Fvw[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close