Menu

Recensioni

White Lies – Big Tv

2013 - Fiction Records
indie/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Big TV
2. There Goes Our Love Again
3. Space I
4. First Time Caller
5. Mother Tongue
6. Getting Even
7. Change
8. Be Your Man
9. Space II
10. Tricky to Love
11. Heaven Wait
12. Goldmine

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“If you can raise a star / From garbage on the street / Then you can make a modern life / For a modern girl to lead”

Che si aprino le danze con Big TV, terzo album dei londinesi White Lies, seguito di Ritual, pubblicato a inizio 2011.
Anche questo album non si discosta mai dal solito mood triste contrapposto ai ritmi pressanti su cui il trio ha costruito il proprio nome nel tempo, fortificando sia i propri principi musicali che le aspettative del pubblico che, verosimilmente, li segue dai singoloni estratti da “To Lose My Life…”.

Il percorso è già marcato a partire dalla title track quasi-interminabile, dai synth e dalla batteria compressa ancorati dove anche gente come i Depeche Mode mettevano le grinfie tanto tempo fa. Il primo singolo prescelto è There Goes Our Love Again (“I didn’t go far / And I came home / But he said there goes our love again / There goes our love again / Home is a desperate end”) ed è lì che ci accorgiamo che abbiamo sottomano un concept album che, chiaramente, parla di una storia di amore travagliata, di viaggi, separazioni, ricongiungimenti e congiunzioni astrali.
L’astronauta dell’artwork in copertina, dallo sguardo tra l’impaurito e il sorpreso, potrebbe benissimo essere un agglomerato di figure retoriche richiamanti la protagonista: il cosmonauta perso nello spazio, la ragazza, invece, sperduta tra i cambiamenti della vita.
La presenza di due interludi (Space I e Space II) è la novità nella routine musicale dei White Lies. First Time Caller (potenziale singolo) è un altro esempio di onestà intellettuale che è presente anche nelle altre tracce: le atmosfere a cui fanno riferimento i White Lies sono sotto le orecchie di tutti ma, semplicemente, loro non sembrano preoccuparsene visto che riescono comunque ad essere portatori sani di personalità, nonostante permangano invariati i momenti-crescendo incalzati dalla voce di McVeigh, i tempi di batteria, le alternanze di synth che tanto hanno tanto alimentato i paragoni con i vari Interpol o Editors di turno.
Getting Even, dalle parti elettroniche taglienti, è l’antitesi di Change (voce ed effettistica fluttuante per una svolta di quasi cinque minuti di durata) seguita da Be your Man: il ritorno sui binari tracciati in precedenza.

In fin dei conti, la conferma c’è ed l bello del mondo musicale è anche questo: nonostante le ripetizioni e la formula “squadra che vince non si cambia”, al terzo album si può arrivare a testa più che alta anche se, all’inizio, davi l’idea di essere solo l’ennesimo gruppo che voleva copiare i derivati dei Joy Division.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=8Cn4huIqY8o[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close