Menu

Recensioni

Nevroshockingiochi – Scena2

2013 - Onlyfuckingnoise/Il Verso Del Cinghiale/Charity Press/Canalese Noise/Eclectic Polpo/Hysm?/Neon Para
industrial/no-wave/jazzcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Piccoli omicidi fatti in casa
2.Senza lingua
3.L’arte del poker
4.Ritmo spastico
5.Col-Lasso di tempo
6.ciNECROnica
7.Asces(s)i
8.RESET
9.Tempi morti
10.La regola delle 3 S o dello SBIANCAMENTO DELL’ANima

Web

Sito Ufficiale
Facebook

E l’Italia mi piace così. Nel senso che mi regala sempre band bellissime ma per farle uscire ci vogliono dieci etichette o giù di lì. Negli ultimi anni è questo l’andazzo. Ultimi anni? Ultimi tanti anni.

Così accade anche per i Nevroshockingiochi. Un disastro il nome? Un disastro (bello, bello, bello) ciò che propongono col loro suonar sbandato. E’ che io li avrei visti bene nella Neue Deutsche Welle. Ed è proprio da questi passi e fasti che nasce il disco “Scena2”. Prendete quel bell’industrial divelto e poi anche un pizzico(ne) di noise sgranafaccia e una teatralità propria dei frontman di quella bella generazione là e il nevroshockingioco (chiamata) è fatto. Ti stacca la testa “Piccoli omicidi fatti in casa”, voce dalla cadenza meccanica, su disastro einsturzendeneubautiano e tribalismi ritmici-metallici assortiti. Meccanicismi in ritorno su “Ritmo spastico” ripetitiva legnata in noise maggiore col basso che abbatte i palazzi e apre su una visione unsaniana del nulla. E sono gli incubi rumoristici degli Sprung Aus Den Wolken a far digrignare i denti su “Col-lasso di tempo” fino a diventare un contro-tempo jazzcore che sfianca. I testi di Alessandro Bracalante e la sua voce ipnotica, che ricorda quando la droga aveva su Morgan un effetto divertente ma anche quando Michael Gira era giovane e incazzato, sono mattatori di un teatro che crolla sotto le fiamme elettriche degli strumenti in continua esplosione, provare sugli elettrostomp malati di “Tempi morti”, dove le parole si trasformano di continuo e si evolvono senza posa, per credere. E così fino a farti sanguinare le orecchie.

Cuore jazzcore, attitudine industriale, roba nuova. Troppo per questo Paese? Per me no.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close