Menu

Recensioni

Tutto da rifare: un omaggio ai Fluxus

2013 - Mag-Music Productions/V4V-Word Records
rock/noise/hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Majakovich - Giro di vite
2.Nervature - Fensi
3.Titor - Logica di possesso
4.Avvolte - Tutto da rifare
5.Marnero - Nessuno si accorge di niente
6.Evilfish - Uomo ghignante
7.Niente altro che macerie - Questa specie
8.Gli Altri - Talidomide
9.Mrozinski - Una splendida giornata di luna
10.Dogzilla - Immagine di un cane enorme
11.Chambers - Le cose non cambiano mai poi cambiano in un minimo limite di tempo
12.Miriam Mellerin - Lacrime di sangue
13.Mastice - Vita in un pacifico nuovo mondo
14.Heisenberg - Giro di vite

Web

Sito Ufficiale
Facebook

I loro dischi sono stati capaci di sbriciolare letteralmente l’annoso luogo comune per il quale il rock, nella sua accezione più cruda, proterva e urticante, fosse quanto di più remoto e incompatibile con l’idea di canzone così come la si concepisce in Italia. Persino laddove viene corredata da una didascalia tanto sdrucciolevole come quella che la qualifica d’autore.

Queste parole di Elio Bussolino (Rockerilla) rappresentano l’essenza dei Fluxus, gruppo storico di Torino, che è riuscito a scrivere una grande pagina della musica indipendente italiana e non solo. Per onorare la loro carriera, Mag-Music Productions e quattordici gruppi, danno vita a Tutto Da Rifare, tribute album disponibile comodamente in free-download. Mag-Music continua a omaggiare e a fare scoprire al pubblico più giovane grandi artisti italiani come è stato precedentemente per Santo Niente e Scisma. Tanta passione e qualità che pure in questo caso rappresentano un punto cardine della produzione. Dal punto di vista della scelta sulle singole canzoni, non c’è nulla da obiettare in quanto in questa ora di musica vengono riproposte quasi esclusivamente le hit più accattivanti del gruppo torinese. Dal punto discografico invece c’è un po’ di debolezza in più in quanto si è scelto di omaggiare perlopiù Pura La Vergine(con sei canzoni) e Fluxus(con cinque canzoni) rispetto a Non Esistere(una sola canzone) e Vita In Un Pacifico Nuovo Mondo(due canzoni). Certo, è difficile riassumere una grande carriera come quella dei Fluxus in una sola ora, però così facendo sembra di sminuire le prime di produzioni, le quali non lo meritano assolutamente. L’alfa e l’omega del tributo sono stati scelti sapientemente e troviamo due versioni della bellissima Giro Di Vite. I Majakovich aprono le danze e pur rimanendo fedeli all’originale, riescono a “svecchiarla” e a renderla più corposa. Gli Heisenberg, invece, si elevano con una versione che è un colpo di mortaio che, raggiunto il punto di impatto, sfregia i timpani. I Nervature, interrompono la violenza e propongono una versione di Fensi molto coinvolgente e che la rende quasi radio oriented. I Titor, hardcore from Turin, hanno scelto di tornare alle origini e presentano una versione hiper-assassina di Logica Di Possesso. Nulla di più da aggiungere se non far partire il pogo e confermare i Titor come una delle miglior realtà hardcore che abbiamo sul territorio italiano e che dobbiamo conservare con gelosia e amore. Coerenti e immedesimati nel pezzo sono gli Avvolte, che propongo Tutto Da Rifare, track proveniente da Pura Lana Vergine e che dà il nome a questo tributo. Squisita prova che rende molto appetibile un pezzo di suo già invidiabile. Altra super-hit in arrivo con Nessuno Si Accorge Di Niente. I Marnero, che quest’anno hanno realizzato un album di particolare interesse, aggiungono alla canzone dei Fluxus la loro lenta ma inesorabile potenza, dimostrandosi delle vere e proprie macchine da guerra. Appaiono ora gli Evilfish che rappresentano il momento più caotico e anarcoide del tributo con una Uomo Ghignante che ha una rabbia primordiale. Il sangue scorre, le parole sono ruvide e le mani pronte a menare. Buona prova di versatilità anche per i Nient’Altro Che Macerie con una versione fluida e sincopata di Questa Specie. Questi ragazzi creano il giusto mix musicale che potrebbe far tranquillamente parte del loro futuro percorso musicale. Cafonissima e molto noise, Talidomide proposta in questa sede da Gli Altri: l’hanno resa davvero attrattiva. Le parole sono pulviscolo che, mentre scivolano via, danno forma a qualcosa di indefinito che fa lacrimare gli occhi. La prova più difficile di Tutto Da Rifare è sicuramente con Una Splendida Giornata Di Luna. Dolce, distesa, elettrica…appare così dal nulla e riempie tutti i vuoti incolmabili. Mrozinski coglie la sfida e la ripropone in maniera meno dolce e più doom, realizzando un esperimento sicuramente interessante. I Dogzilla aumentano il ritmo e l’adrenalina e propongono una buona versione di Immagine Di Un Cane Enorme. Un complimento extra per essere stati gli unici ad aver suonato il pezzo proveniente da Non Esistere. Ora è il turno dei Chambers e per loro vale lo stesso discorso fatto ai Marnero: aumentano la potenza della canzone originale e sanno il fatto loro. Oltre a ciò continuano a produrre grandi cose e nella trinità fatta da Marnero, Chambers e Titor c’è il nettare migliore di questo omaggio ai Fluxus. Qualche tocco elettronico per i Miriam Mellerin che, senza strafare, porgono un degno tributo ai loro maestri con Lacrime Di Sangue. Particolare e curiosa Vita In Un Pacifico Nuovo Mondo dei Mastice dove, alla fine del loro vorticoso show, chiudono il tendone e questo omaggio ai Fluxus giunge al termine.

Mag-Music, in collaborazione con V4V-Word Records, elogia in modo più che egregio i Fluxus e per questo non possiamo che applaudire. Tutto Da Rifare è consigliato sia ai più giovani, così che possano scoprire questo gruppo, e sia ai più “anziani”, per riascoltare ottima musica e iniziare a tirare fuori i cd da vecchi scaffali polverosi. La musica è fatta per essere vissuta e non per farla morire come un’opera d’arte in un museo. Last but not least, la possibilità di conoscere tutta una serie di gruppi “nuovi” che stanno prendendo sempre più piede e che meritano tutto il supporto di questo mondo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2Aw3v9bbRj0[/youtube]

Free Download

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close