Menu

Recensioni

Inert Project – Heartburn

2013 - Tarock Records
rock/funk/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Police radio
2. The Henchman
3. Japanese Whale
4. Smokey
5. White Coffin Blues
6. Wolf At Vespers
7. Land Of Liars
8. Bad Strings
9. Call The Coroner
10. White Coffin Blues Pt.2

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Da un’amicizia a distanza (Italia vs Stati Uniti d’America) mantenuta viva grazie alla comune passione per la musica, alle ferie estive e con l’essenziale supporto della tecnologia nasce questo “Heartburn”, perfetta colonna sonora per i polizieschi americani, quelli con lo sbirro cazzuto e tendenzialmente figo, non uno stinco di santo ma sotto sotto dotato di cuore ed accessori.

E le 10 tracce sono altrettante inquadrature di questo mondo: la macchina della pula che saltella sulle dune di San Francisco, l’appostamento notturno con il bicchierone di caffè sul cruscotto, i malviventi in fuga sulla cabrio circondati dal deserto e null’altro, il coroner strano ed inquietante quasi quanto un serial killer.
Il tutto senza lo spreco di una sola parola e con un’eterogeneità sonora davvero sorprendente e frutto di un sound pulsante e che tocca il funk, il blues, l’industrial ed il rock più classico, supportato poi da sempre ben dosate iniezioni di un’elettronica mai invasiva né prevaricante ma votata unicamente ad accentuare e vivacizzare un groove di sottofondo, sempre pastoso e marcato.
Dietro a questo lavoro non ci sono intellettualismi d’essai né tanto meno sperimentalismi contorti e snob, ma solamente tanta passione per queste sonorità tipicamente cinematografiche. E tale semplicità fa sì che ogni pezzo suoni bene fin da subito, con le tracce che scorrono via che è un piacere ma mai in maniera banale né da puro sottofondo. Una produzione ai limiti della maniacalità permette poi a “Heartburn”, album costruito in studio nell’arco di un anno sovrapponendo di volta in volta musiche e musici, di suonare coeso e compatto come se la formazione fosse realmente schierata al gran completo in studio.

Bene! Davvero un bel progetto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=g89tSSdvxYQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close