Menu

Recensioni

Mark Lanegan – Imitations

2013 - Heavenly
rock/alternative/cover

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Flatlands
2. She’s Gone
3. Deepest Shade
4. You Only Live Twice
5. Pretty Colors
6. Brompton Oratory
7. Solitare
8. Mack the Knife
9. I’m not the Loving Kind
10. Lonely Street
11. Elegie Funebre
12. Autumn Leaves

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Mark Lanegan non sa stare fermo. Ma in questo caso non so dire se avrebbe fatto bene a farlo o meno. “Imitations” è un nomen omen. Disco di cover dunque? Sì, ma meglio chiamarlo “altalena”. Il perché è semplice: la voce di Lanegan è di una bellezza più unica che rara ma le versioni delle canzoni qui proposte non sempre seguono questa “regola”.

Pronti? Via. In campo Lanegan su alcuni brani schiera pure dei comprimari di livello. Esempi? Bill Rieflin (R.E.M., Ministry e ora King Crimson), Duff Mckagan (devo dirvelo?), Alain Johannes (Queens Of The Stone Age). Stessa cosa per la scelta di canzoni da imitare. Così in apertura troviamo “Flatlands” di Chelsea Wolfe, scelta interessante, azzardata mica tanto ma particolare, bella, arricchita di archi malinconici e di soffi di chitarra, e così l’imitazione non solo è riuscita ma migliora l’originale. E poi? Poi prende un pezzo dei Twilight Singers dell’altro “gemello” Greg Dulli e fa il botto: il pezzo è enorme, la melodia è astrale, la voce è di un altro pianeta, la tristezza anche. Continuiamo con quelle belle? Dai. Allora “Brompton Oratory” di Nick Cave fa al caso nostro, privata della batteria minimale dell’originale e data in pasto ad un manto “pop” ad altissimo livello, coi fiati che disegno trame splendide sullo sfondo. E chiudiamo le promozioni con la magnifica “Elégie Funèbre” di Gérard Manset, niente di meglio per la voce dell’ex Screaming Trees, che si cimenta con un francese che sembra suo da sempre, e che ,così stesa su un manto di chitarre in reverse, mellotron e mandolini, fa stare male. E il resto? Non è brutto, è semplicemente “chiamato”.

Scontato se volete. Non all’altezza di Lanegan, non forte come ci ha abituato e non così viscerale. Ma sono imitazioni, non chiediamogli di più.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QiPptzfSDyM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close