Menu

Recensioni

Soviet Soviet – Fate

2013 - Felte
post-punk

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Ecstasy
2. 1990
3. Introspective Trip
4. Further
5. Gone Fast
6. No Lesson
7. Together
8. Hidden
9. Something You Can’t Forget
10. Around Here

Web

Sito Ufficiale
Facebook

È una bella storia quella di questi tre ragazzi di provincia, Pesaro per l’esattezza, che nel 2009 pubblicarono il loro “Summer, Jesus Ep”. I giovani marchigiani, a distanza di quattro anni presentano il loro disco d’esordio, “Fate”, destinato a diventare uno dei dischi italiani più importanti di tutto il 2013.

L’impressione è subito quella di avere a che fare con un lavoro che probabilmente supererà i confini nazionali e punterà ad essere esportato maggiormente in ambito internazionale. I Soviet Soviet propongono un sound tipicamente anni 80, recondito di New wave stile Joy Division e di spontaneo Post Punk misto a ricordi dei primissimi Placebo. “Ecstasy” è il pezzo giusto per iniziare un disco, dal titolo inequivocabile, le sensazioni che vuole trasmettere iniziano ad essere nettamente percepite. “1990” è uno dei pezzi migliori del disco, chitarra e basso che corrono a velocità diverse, voce che ti entra nelle vene e il risultato astronomico che si raggiunge è quello di riuscire a farci sentire liberamente trasportati dalla musica, allo stesso tempo rinchiusi in un locale buio e con luci abbaglianti provenire dal fondo, mentre ci ammaliamo di claustrofobia e di voglia di evadere. Fate è un viaggio oltre la mente, l’essenza ne è colta perfettamente in pezzi come “Introspective Trip“, è una corsa indietro nel tempo nella stupenda “Gone Fast”. “Further” e “No Lesson” sono schegge impazzite del millennio, specialità rare della casa, coltellate ben assestate alla schiena, all’altezza del cuore, che ti entrano gelide e poco a poco si riscaldano. Atmosfere di altri tempi passati e di remoti futuri, esplodono nella violenza di “Together”, nella folle ascesa di “Hidden”, nel grido disperato e vorticoso di “Something You Can’t Forget”, prima di abbandonarsi e disperdersi improvvisamente nella chiusura affidata ad “Around Here”.

I Soviet Soviet generano dal loro istinto geniale dieci tracce fantastiche e quello che ne risulta è Fate, da considerarsi un autentico capolavoro nostrano, da preservare e consumare insieme, da diffondere orgogliosamente e da custodire gelosamente a lungo andare. Ad oggi da valutare come una delle sorprese più entusiasmanti nel nostro panorama musicale, con la certezza assoluta che i ragazzi faranno strada.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close