Menu

Interviste

Intervista ai KODALINE

kodaline

Molti li paragonano ai Coldplay altri ai Mumford and Sons, io invece non li paragonerò a nessuno: i Kodaline infatti meritano di essere valutati senza essere per forza associati a band già esistenti. il loro primo disco s’impone con fermezza tra i migliori album dell’ indie rock del ventunesimo secolo, e se pensate che io stia esagerando vi prego di ascoltare con attenzione In a perfect world (primo album della band) e capirete sicuramente di cosa io stia parlando.
Le loro canzoni sono struggenti, con melodie malinconiche, ma allo stesso tempo non rinunciano a farti muovere. Il folk viene contaminato da suoni che provengono da più svariati sound e la voce s’inoltra nelle viscere più remote dell’ascoltatore per poi trasformarsi in vera e propria libidine. In molti album capita spesso d’individuare subito quali saranno i singoli estratti, in questo caso invece è veramente difficile farlo (eccezione fatta per All i want): ogni canzone infatti è stata curata in maniera eccezionale; ritmiche perfette e coordinazione tra gli strumenti rendono i pezzi orecchiabili ,ma allo stesso tempo non banali. I testi sono semplici, ma mai convenzionali, malinconia e amore sono i temi principali, ma non risultano quasi mai mielosi e snervanti. La vera ciliegina sulla torta, come già ho anticipato, è All i want, un pezzo che trascina mille emozioni e le convoglia in melodia, che fa piangere, ma allo stesso tempo riesce a rincuorarti: questa canzone rende sicuramente questo album ancora più eccezionale (i video rendono pienamente giustizia al pezzo).
Sicuramente saremo presenti il 7 dicembre al Tunnel di Milano per l’unica data del loro tour europeo nella nostra penisola; nel frattempo però abbiamo deciso di anticipare i tempi e di fare due chiacchere con loro a proposito del loro album e del loro concerto.

Come mai avete deciso di cambiare il nome da 21 demands a Kodaline?
21 demands era la prima band che avevamo quando avevamo 15 o 16 anni,non sapevamo veramente come esprimere noi stessi con la musica, era solo un modo per sfogarsi. Siamo cresciuti e maturati ,ma la cosa più importante è che abbiamo iniziato a scrivere canzoni che rappresentano chi siamo,non siamo più adolescenti ormai, il nome kodaline rappresenta chi siamo ora.

A quali band vi ispirate o da quali siete influenzati per scrivere la vostra musica?
Abbiamo un range ampio d’influenze, dai Daft Punk ad Aretha Franklin.

Quanto ha inciso la vostra amicizia nello scrivere le vostre canzoni?
Penso che l’amicizia per noi sia la chiave per condividere le nostre esperienze personali e tramite le canzoni combattiamo i nostri momenti difficili. Ci rispettiamo e abbiamo molto fiducia l’uno dell’altro.

Molti pensano (io sono uno di quelli) che il vostro primo album possa diventare un disco fondamentale nel panorama indie-folk contemporaneo, voi cosa ne pensate?
Questo è un grande complimento, grazie. Ognuno ha diritto ad esprimere la propria opinione , la tua, devo dire che mi ha reso felice e mi ha fatto sorridere.

Nelle vostre canzoni traspare molta tristezza e malinconia, sono dovute a particolari momenti della vostra vita?
Tutte le nostre canzoni sono nate da esperienze che abbiamo realmente vissuto,alcune felici,alcune tristi,è la natura della vita. Certe volte puoi trasformare il momento più triste della tua vita in una canzone e talvolta ti può far sentire meglio,per noi lo scopo della musica è quello di far sentire meglio le persone.

Come mai avete deciso di rilasciare due video della canzone All i want?
La cosa bizzarra è che non abbiamo mai rilasciato ufficialmente “all i want” ed è ormai un anno che abbiamo fatto uscire il nostro primo ep . Principalmente ci siamo “innamorati” del personaggio di Oliver e del suo cane Digby ,ma soprattutto l’abbiamo fatto per i nostri fan che volevano sapere come sarebbe continuata la storia.

Cosa vi aspettate dal vostro tour europeo e specialmente dalla vostra data in italia?
Non siamo mai stai in italia,è un paese che avremmo sempre voluto visitare ,quindi siamo molto eccitati ,ma allo stesso tempo nervosi e non sappiamo cosa aspettarci. Tutto quello che potete aspettarvi dal nostro concerto è che ci metteremo tutto il nostro cuore e tutta la nostra anima.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mtf7hC17IBM[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Articoli correlati

Close