Menu

Recensioni

She Owl – She Owl

2013 - Broken Toys/Ppzk/D.I.T. Records
folk/dark

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Homewoods
2. She Owl
3. Over The Bones
4. Decembers
5. Behind The Stars
6. Nightingale
7. Fisherman Queen
8. Hide And Seek
9. Paper Birds
10. Belong

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Quando si parla di Jolanda Moletta (talento tutto italiano, questo va detto) non si deve commettere l’errore di concentrarsi soltanto sulla sua voce suadente capace di ammaliare, ma si deve parlare di un’artista a tutto tondo, dotata (come tutti gli artisti veri) di una sensibilità fuori dal comune. Questo suo nuovo progetto “She Owl” parte da radici lontane, attraverso una fitta rete di collaborazioni europee ed oltreoceano, illuminate da un’unica musa ispiratrice: l’arte.

Il tentativo, a mio parere pienamente riuscito, è quello di fondere ispirazioni musicali, letterarie, visuali e teatrali attraverso un filtro personale ed evocativo. Ne esce fuori un sound cupo, morbido ed altamente suggestivo, che sarebbe riduttivo etichettare come una semplice collezione di fascinose “dark lullabies”. C’è del sano gusto per la sperimentazione sonora nei meandri di “She Owl” e lo si intuisce bene già dopo l’ascolto di “Over the Bones” (ed è solo l’inizio), che sul finire riesce ad uscire dai canoni piano-voce-percussioni per sperimentare altre vie sonore, classiche ma non troppo. Un attento e curioso ascoltatore potrà infatti sbizzarrirsi nello scovare qua e là sonorità non convenzionali, ottenute grazie all’uso di strumenti etnici e non solo (kalimba, ukulele, tubi sonori, sonagli ed altro ancora).
La “donna civetta” ci accompagna attraverso un sentiero oscuro e suggestivo, alla ricerca di una quanto mai desiderata “trade-union” tra la bellezza istintiva della natura ed il mondo misterioso che si agita all’interno di noi esseri umani, chiamati a beneficiarne istante dopo istante, stando sempre attenti a tenere a bada quel maledetto istinto auto-distruttivo che ci contraddistingue fin dalla nascita.

Non esiste modo migliore di godere appieno della bellezza, se non quello di contemplarla in armonia con il resto del creato. Amen.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close