Menu

Recensioni

Selfishadows – Step On

2013 - Factum Est
elettronica/sperimentale

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. You Know
2. Step On
3. Now She’s Dead
4. Change
5. Hard
6. Words
7. My Faces
8. Memories
9. Time Near

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Step On” ha un velo di polvere su ogni traccia. Non sembra un album del 2013, sembra qualcosa d’altri tempi, fine ’80 o inizio ’90. Il signor Selfishadows (già, è uno solo) infatti ha optato per un ritorno al passato: vecchi sintetizzatori, tastiere e drum machine. E un caro e datato Microkorg. Da questa strumentazione ha tirato fuori musica futuristica. Leggermente impolverata.

Selfishadows, alias Daniele Giustra, è riuscito a fare una cosa: recuperare sonorità ormai superate per farne qualcosa di nuovo. “Step On” è in bilico tra new wave e kraut pop, tra ambient e dreampop. Con un pizzico di post-rock. L’insieme è darkeggiante, ma mai troppo oscuro. Ci porta in un’atmosfera sognante sospesa tra luce e buio e densa di spleen. Non eccessivamente movimentato e non eccessivamente lento. Ma tranquillo, pacato. Uno stato d’animo collocato tra una lieve tristezza e una dolce pace interiore. Un album delicato come la pioggia che batte sul vetro della finestra. Il tutto coronato da una voce bassa che non disturba mai. Suoni morbidi, a volte quasi in trance. Gradevole e mai sopra le righe.

“Step On” è la lacrima che scende a causa di un ricordo felice. è l’ora che anticipa l’alba e l’alba stessa.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=43BvPXiqedQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close