Menu

Recensioni

Lantern – Diavoleria

2013 - V4V/Fallo Dischi/Flying Kids Records
screamo/post-hardcore

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Inferno a rotta di collo
2. Il segreto delle ragazze
3. Blek macigno
4. Mucchio d'ossa Copperpot
5. Antonio
6. Siberia
7. L'invincibile S50
8. Profeta

Web

Sito Ufficiale
Facebook

E’ arrivato l’inverno gelido ad allietarci con la sua inconfondibile compagnia. Sono arrivati i Lantern con la loro “Diavoleria” di questo triste gennaio.

Se non avete ancora provato la sensazione di sprofondare piacevolmente nel dolore e nella violenza ascoltate questo disco. “Inferno a rotta di collo” apre una serie di appassionanti “varchi siderali”. Pochi minuti ma intensi, quanto basta per scagliarvi addosso macigni di suoni che pesano dentro, in fondo all’anima. Pensavo di dover aspettare la prossima era glaciale per ascoltare qualcosa di suonato con tanta passione, qualcosa di così vivo e insito nella rabbia del genere umano. Il disco distrugge ogni parte di noi, coinvolge e lascia spaesati al tempo stesso, i testi rapiscono la mente, le chitarre fanno male, di quel male che solo due cose al mondo fanno: l’amore e la vita. L’inizio malinconico di “Antonio” lascia spazio a tutta la rabbia dei pochi secondi che anticipano “Siberia”, un capolavoro di atmosfera, musica e parole che vorresti non finisse mai per la capacità con cui accoltella il cuore, lasciando dentro solo un’infinito deserto di sensazioni spaesate. Altro pezzo memorabile dell’opera è “L’invincibile S50”, oscuro e imponente, sembra preannunciare imminenti giudizi universali (“Ma rimarremo come siamo sempre stati, in balia dei turbini e attraverso le spirali troveremo sempre la via più lunga. Solo ad occhi aperti ci siamo resi conto di essere ciechi e ora i successi sotto le dita hanno la stessa consistenza dei fallimenti “). “Profeta” è solo la ciliegina sulla torta dell’ennesima sorpresa targata, tra gli altri, V4V, che ancora una volta non delude dopo i successi dell’anno passato (Albedo, Marnero ) e che ci fa iniziare questo 2014 nel migliore dei modi.

Il Made In Italy è ancora di moda, ed è molto più incazzato di prima.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close