Menu

Recensioni

Barrens – Circles

2013 - Autoproduzione
black metal\doom\drone

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Circle I: Cupio Dissolvi
2.Circle II: the Reckoning

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’asfalto ruvido e grigio segue le vie più impensabili della periferia di una città. Ai lati, i rumori della natura, dell’erba che si muove delicatamente in un rituale senza fine. In alto il cielo, nero come la fine di tutto, ma nonostante ciò addolcito da una tenera luna. In fondo alla strada delle case, malamente illuminate. In esse gli uomini si prodigano alla pazzia, eroi del fallimento. Moderni schiavi coinvolti in una follia sempre più collettiva, tutti che si affacciano su quella strada che al termine della notte porta solo all’inferno. Secoli fa qualcuno scrisse: “L’enfer est plein de bonnes volontés et désirs”.

Questo può essere tranquillamente il concept che avvolge il progetto Barrens e il primo demo denominato Circles. Dietro ciò, Luca Dalpiaz, già attivo in progetti come Maraiton e Verily So. Tuttavia, in questa sede le atmosfere sono più cupe e depressive e nelle lunghe due tracce che compongono questo demo, ci troviamo di fronte ad un black metal che viene arricchito da suoni acustici e tappeti dronici. Come se non bastasse vi è un intrinseca struttura sonora, dove spesso ci sono delle incursioni con voci pulite e oniriche, quasi uscite da un mondo gotico e di matrice doom, da far “invidia” alle produzioni più ruvide dei Canaan e del loro co-project Neronoia. La scrittura e la miscelazione dei suoni convince più che positivamente e l’alchimia così prodotta dà luce ad un demo sicuramente interessante. C’è molta aspettativa sull’evoluzione di questo progetto e sulla futura uscita in arrivo a febbraio su cassetta.

Barrens si fa spazio tra le nuove uscite black metal usando come biglietto da visita il demo Circles, due tracce dove black metal, drone e doom si fondono alla perfezione partorendo qualcosa di marcio e profondo, come un verme che ossessivamente scava dentro l’albero secolare fino a farlo deperire completamente.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=6AFKQ3kye8Q[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close