Menu

Recensioni

Pelican – Forever Becoming

2013 - Southern Lord
post/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Terminal
2. Deny The Absolute
3. The Tundra
4. Immutable Dusk
5. Threnody
6. The Cliff
7. Vestiges
8. Perpetual Dawn

Web

Sito Ufficiale
Facebook

E’ stato complesso pensare a qualcosa da scrivere sulla nuova fatica dei Pelican; uno sta lì pensa e ripensa, ascolta e riascolta eppure niente. Non esistono parole sufficientemente meste atte ad esprimere il disagio che deriva dall’ascolto del disco in questione.
Poi capita che diano su Rete 4 il terzo episodio della saga “Il signore degli anelli” e, a svariati anni di distanza, ti chiedi come sia stato possibile aver potuto fare pensieri sconci sul personaggio di Aragorn. Qualsiasi donna è affascinata da Aragorn, poche storie; guerriero temerario, promesso re, ed il tutto é farcito da una voce (doppiata) suadente come poche altre.
L’idillio prima o poi finisce… finisce quando scopri che in realtà la voce di Aragorn è di Pino Insegno.
E’ una cosa che ti destabilizza; il corrispettivo femminile di traumi come questo potrebbero essere i piedi di Jean Grey di X-men; oh, quella ha una pizza da 46 in infradito.

Ascoltare “Forever Becoming” è un po’ questo.
I Pelican si fanno largo con alcuni primi dischi portentosi e promettenti, affidandosi a qualche etichetta ben stimata in ambito “post”, unitamente a gruppi quali Neurosis ed Isis.
Dopo un esordio glorioso, seguono alcuni dischi decisamente sottotono ove regna confusione e bipolarismo; questo nuovo disco ci fa scoprire i Pelican per ciò che realmente sono: mediocri.
La band di Chigago, nonostante tutto, riesce finalmente ad emanciparsi e, in seguito all’abbandono dello storico chitarrista Schroeder-Lebec, restringe il campo riducendolo ai minimi termini. Ne deriva dunque un song-writing essenziale, primordiale e privo di tecnicismi in stile liberty; situazione che però, alla lunga e razionalmente crea un ambiente un po’ stantio.
Giudicare “buono” un disco del genere, rilasciato da una band del genere, implica minimizzare il valore che i Pelican hanno avuto; un band che non è più capace di crescere e che ha bisogno di attingere alle origini per rimettersi in carreggiata.

Che sia stato un abbaglio per tutti?
Fatto sta che a me è sempre piaciuto Legolas.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=lAOad92rA9M[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close