Menu

Recensioni

Embryo – Message From Era Ora

2013 - Sound of Cobra/Black Sweat
Space-Jazz-Musik

Ascolta

Acquista

Tracklist

.. Side A ..
1. China China
2. Intro for Massimo
3. Dieter’s Riff

.. Side B ..
1. Suite in Five
2. Call Me
3. I Get Two Windows

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Embryo, space-jazz-rock, in attività dal ’69, surclassa i confini di genere. Esce per Sound of Cobra e Black Sweat la stampa di “Message From Era Ora” (1976/2013): registrazione live a collage di stralci di loro concerti in Europa, anno ’76; testimonia l’incontro dei tedeschi in Udine con Massimo Urbani (1957-1993), sax alto; divulga oggi impressioni e suoni di una stagione progressivo-kraut viva nel sottosuolo.

Dieter Miekautsch progredisce al Fender Rhodes, Christian Burchard dietro le pelli e Uve Muellrich su basso conciliano in concentrazione profonda linguaggio heavy e free, Roman Bunka è sei corde p-funk.
Embryo percuotono le coordinate e destabilizzano il concetto di genere: l’approccio della scuola di Canterbury, con il tocco jazzy dei Soft Machine e il prog-space dei Gong; l’impulso Embryo è la matrice world, il ritorno all’etnico, che sconfina nella trance della kraut.
Embryo e “Message From Era Ora” sono: ‘China China’, Burchard eroico, percussioni e minimalismi in medias res, colpi di rullante e brazilian grooves ritmici; ‘Intro for Massimo’ dilaga soffusa: basso e tastiere e elettrico wah-wah in vortice decomposto, sprigionano sensazioni blues, una mescolanza di visioni in crescendo e decrescendo continuo; prog-psych-musik rarefatta e acuta. Dieter Miekautsch e Massimo Urbani placano la disgregazione, incontrano sensibilità prettamente jazz. ‘Suite in Five’ è prima Roman Bunka, nevrotico sul tappeto denso di world-space della sezione ritmica più Miekautsch, poi Massimo Urbani, che tiene in pugno e poi rincorre, impugna e rincorre le tracce di Bunka. ‘Call Me’ e ‘I Get Two Windows’ sono le isterie acide, finale prog-trip di contaminazione e slancio crimsoniano-hendrixiano.
Modulano vibrazioni, materia viva e occulta: psych-jazz nell’approccio alla struttura del brano, dilatato e focalizzato, destrutturato nel susseguirsi di a soli e formulare nella sezione ritmica. “Message From Era Ora” è oltre, una pastiche caotica deviata e moderna. In più seminale: La Otracina, periodo ‘03/’07*, sono gli eredi del linguaggio Embryo.

Ricca di spunti dopodomani, è musica avanti ieri.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close