Menu

Recensioni

Last Minute To Jaffna – Volume III

2014 - Bare Teeth Records
post/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Chapter V
2. Chapter XII
3. Chapter XXV
4. Chapter VI
5. Chapter XI (live)

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“Volume III prende forma dopo l’apertura di un concerto acustico di Scott Kelly dei Neurosis. Per l’occasione i Last Minute To Jaffna prepararono un set arrangiando alcuni brani in chiave acustica; tra lo stupore generale l’inedita dimensione rapisce letteralmente il pubblico […]“.

Inizia così la presentazione di questa nuova uscita dei Last Minute To Jaffna, con il ricordo di quello che fu un live unico e di cui custodisco gelosamente memoria.
Come avrete intuito questo “Volume III” non è il vero e proprio nuovo lavoro della band torinese, ma una parentesi acustica che vuole rendere disponibile, a tutti coloro che non ne hanno ancora avuto l’occasione, il suo lato più intimista.
Abbiamo dunque cinque capitoli (di cui due inediti e un live) in cui il sound viene trasformato e spogliato di ogni distorsione, senza perdere però nemmeno un millesimo del suo impatto emotivo.
Ciò che ne esce è un ideale ponte tra il suono dei Neurosis (e ovviamente quello dei i progetti solisti di Steve Von Till e Scott Kelly) e le tristi dinamiche acustiche di un certo slowcore che ha nei Low e nei Red House Painters gli esempi più vicini.
Veramente encomiabile il lavoro di riarrangiamento grazie anche all’intervento dei due special guest: Fabrizio Modenese Palumbo (Larsen, XXL, (r), Almagest!, Blind Cave Salamander) alla viola elettrica, chitarra e kalimba e Stefano Casanova (A Cold Dead Body, Zune) che con il suo corno tenore impreziosisce i vari brani rendendoli ancora più notturni.
Ottima la prova vocale di Valerio il cui timbro caldo si sposa alla perfezione con le vibrazioni acustiche dei vari pezzi.
La produzione, infine, a cura del chitarrista Danilo e il buon lavoro di mastering di Lorenzo dei Lento, dà al tutto un feeling live risultando molto aperto e arioso.
Parlare di un brano piuttosto che di un altro sarebbe riduttivo per cui il mio consiglio è quello di mettervi comodi con la giusta atmosfera e gustarvi questa mezz’ora abbondante di musica.

In attesa del vero e proprio secondo lavoro (che si chiamerà “Volume II” ed è stato registrato quasi in contemporanea a questo) i Last Minute To Jaffna non potevano farci un regalo migliore di questo.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close