Menu

Recensioni

Arancioni Meccanici – Nero

2013 - Seahorse Recordings
rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Hombre
2. Anni 70
3. Deserti
4. Slave To Love
5. Animale
6. Deserti 2
7. Sport Life
8. Appartamenti da bruciare
9. L’ultima notte
10. RNR
11. Nero

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Accostamento cromatico perfetto per questo secondo lavoro della band milanese, dove ad una vividezza compositiva davvero notevole rappresentata ovviamente dall’arancione viene contrapposta una congiuntura (generale e/o personale) non troppo felice e dalle tinte obviously fosche.

Il risultato di questo yin e yang sono 11 tracce dall’andamento schizofrenico, piene zeppe di rimandi italici ed esterofili – trattati però con perizia tecnica e personalità – e con sonorità che si muovono all’interno di uno spettro clamorosamente ampio.
Si parte così con “Anni ‘70” e il suo groove bello massiccio spezzato da chitarroni (led) zeppeliani e con una chiusura vocale in stile Jim Kerr (Simple Minds), si prosegue con “Deserti” a metà strada tra Senzabenza e Primal Screm, “Animale” dove vengono sovrapposti Oasis e Black Rebel Motorcycle Club e “RNR” con il suo rock ‘n’ roll aggressivo e zarro (cit.). E c’è pure spazio per la cover di “Slave to love” (Bryan Ferry – 1985), riuscita e gradevole nonostante quel suo apparire per la verità un po’ fuori luogo all’interno di un contesto organico, fatto & finito e che probabilmente non necessitava di questo bonus.

Non aspettatevi dunque chissà quali mirabilie e/o sperimentazioni. “Nero” è semplicemente un dischetto che gira benone dall’inizio alla fine, grazie a quel suo dipanarsi schizzato e non lineare ma sempre ben focalizzato e che anche dopo svariati ascolti rende davvero arduo etichettare i milanesi in maniera univoca e certa.
In estrema sintesi, bel dischetto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2PMuKJGrYbk[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close