Menu

Recensioni

The Wows – War On Wall Street

2014 - Autoproduzione
rock/indie

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Bad Habit
2. Model Soldiers
3. Harlot’s House
4. Thinking of Business
5. Mr Maginot
6. A Fool’s Parade
7. Nice Day
8. You Are the Target Market
9. Walls

Web

Sito Ufficiale
Facebook

“War on Wall Street” è il personale urlo di guerra con il quale i The Wows tentano l’approdo sul mercato discografico internazionale. Attivi fin dal 2008 e ben radicati nella scena musicale “indie” italiana, i cinque musicisti di Verona finiscono per prendere il volo per Londra, dove ad aspettarli c’è il produttore Giorgio Pona, con il quale dopo una decina di giorni passati in sfibranti “studio-sessions”, riusciranno a partorire il loro esordio musicale.
“War On Wall Street” è un album rock nel puro senso del termine, ben suonato e ottimamente registrato: volumi alti e sound potente e graffiante, quanto basta per identificare una proposta fresca e di rilevante spessore.
I The Wows non inventano niente di nuovo, sia chiaro, ma riescono a rileggere con discreta personalità alcune trame musicali che hanno fatto la fortuna artistica (e non solo) di certe indie-rock band, alternandosi con fluidità e padronanza tecnica tra momenti oscuri, acidi (sarà una mia deformazione professionale ma alcuni momenti di “Model Soldier” non la smettono di ricordarmi “Angry Chair” del mai troppo compianto Layne Stanley) e pure lisergico-malinconici. Il tutto impreziosito dalla vocalità graffiante e decisa di Paolo Bertaiola e da un’intensità di esecuzione che difficilmente incontrerà momenti di flessione durante l’ascolto dell’intero album.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close