Menu

Recensioni

Corpsessed – Abysmal Thresholds

2014 - Dark Descent Records
death/metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Intro
2. Of Desolation
3. Trepanation
4. Sovereign
5. Necrosophic Channeling
6. Ravening Tides
7. Apotheosis
8. Demoniacal Sujugation
9. Transcend Beyond Human
10. The Threshold

Web

Sito Ufficiale
Facebook

L’uscita dell’atteso e ultraosannato album dei Carcass l’anno scorso ha segnato un’importante svolta nella scena death metal mondiale, a mò di climax più volte rinviato. Finiti sembrano i giorni del dominio del black metal; ormai violentato e aperto in ogni orifizio, lascia ogni giorno di più il passo alla “morte metallara”, gli echi del suo ritorno si possono udire in ogni dove.

E, difatti, già nel 2011, i finlandesi Corpsessed erano riusciti ad attirare l’attenzione del pubblico con l’ottimo “The Dagger & the Chalice” ed eccoci qui con il loro primo lavoro sulla lunga distanza, anticipato da un EP S/T di un paio d’anni fa.
In primis, la buona notizia: le qualità ascoltate lì rimangono intatte anche su questo Abysmal Thresholds. I nostri propongono un death metal oltremodo ammuffito e amaro, portato avanti da un growl satanico che ribolle di oscurità. I riff sputano veleno da ogni nota, come nei migliori momenti nelle ottime Sovereign (l’intermezzo con le tastiere è splendido) e Trepanation.
Le dolenti note arrivano invece a livello di mera produzione, per quanto non così terribile come lamentato da altri, è vero che mal si confà al loro stile. Le chitarre graffiano poco, i vocalizzi restano in un fastidioso limbo in cui non prevalgono né vengono affogati e il mix perfettamente al centro proprio non si addice a un ascolto in cuffia.
Così diventa fin troppo facile arrivare a metà album e perdere l’attenzione, anche perché il songwriting tra Ravening Tides e Apotheosis cala nettamente di qualità, ripigliandosi successivamente poi con la breve ma intensa Demonical Subjagation, già ascoltata nell’ultimo EP, arricchita da parecchi cambi di ritmo e un ottimo lavoro ritmico.

Fortunatamente, la produzione non riesce ad affossare le buone qualità dei cinque; Abysmal Thresholds si conferma un buon album e un promettente inizio di carriera.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=sjXeeWHyX9Q[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close