Menu

Recensioni

Igor Krutogolov’s Karate Band – How To Be A Crocodile

2014 - Auris Media
jazz/rock/alternative

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Skeleton Dance
2. Last Supper Souffle
3. Seven
4. Beyond The Hill
5. Mad Medow
6. Drink'n'drive
7. Swamp King
8. Black Lip Oyster
9. Zhuravli I Korabli

Web

Sito Ufficiale
Facebook

A che gioco giochiamo?

Al gioco della “toy orchestra”! Sapete giocare? No? Allora chiediamo a Igor Krutogolov e la sua Karate Band che di certo sapranno insegnarcelo. Si gioca in undici (più si è meglio è, no?) e tutti devono suonare uno strumento giocattolo, non importa se si arrivi da un ensemble jazz, da una band black metal o da un duo stoner, l’importante è giocare. Il risultato finale deve essere quello di creare “musica per bambini”. La scusa è che siamo tutti bambini anche siamo mostri. E bisogna ballare, quindi è giusto iniziare con ritmi saltellanti al sapor di plastica gridando alla maniera di Tom Waits, belli (di)storti quindi, mentre se ci avessi aggiunto l’elettricità ad un certo punto ci sarebbero venuti in mente i Korn (dai?, “Skeleton Dance”), mentre lo spartito dell’anomalia si colora di tinte klezmer che risuona sulle pareti di un kindergarten cosparso di luci strobo (“Last Supper Souffle”) si apre il canale insistente della outsider music più minimale che, a conti fatti, piacerebbe a Capitan Beefheart tanto quanto a Crispin Glover (“Mad Medow”, che bella sassata). In tutto questo il collante finale è una sorta di “noise”, più un modo d’intendere la melodia che un genere di specifico riferimento, un fastidio di fondo che comprende la distorsione dello spazio, del tempo e del suono e l’utilizzo dei peggio samples miagolanti fino a rendere arcigno ogni singolo risvolto dell’essere (“Swamp King”) che lasciano il giusto spazio a efferatezze pop in dolci ballate di fisa accarezzate da lirismi femminei che appagano i sensi e la fame di calma (“Zhuravli i Korabli”).

Se avete capito le regole bene, altrimenti è proprio il caso che riascoltiate con attenzione questo rulebook anomalo chiamato “How To Be A Crocodile”, in ogni sua singolare sfaccettatura di follia infantile.

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close