Menu

Recensioni

Peter Piek – Cut Out The Dying Stuff

2014 - Empire/Tron Records
pop/rock

Ascolta

Acquista

Tracklist

1.Girona
2.Cut out the dying stuff
3.Left room
4.Analyse
5.(Ti O O)
6.Green - fet. Nanna Schannong
7.Alive
8.Painting is a line
9.If this is the end
10.Live forever
11.Leave me Alone
12.Brooklyn Lullaby

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare dalle emozioni: la magia della musica, in fondo, sta tutta qui.
Poi si scopre che se si tenta di applicare questo semplice concetto agli album di Peter Piek, ci si trova per forza di cose di fronte ad una singolare eccezione.

Sì, perchè mentre siamo persi nell’ascolto di “Cut Out the Dying Stuff” e ci si sta iniziando a rallegrare per aver scoperto una talentuosa ed interessante nuova cantautrice, dispiace anche dover provare un pizzico di rammarico nello scoprire che ciò che si stava ascoltando non è opera di una Lei, ma di un Lui. Decisamente spiazzante.
In quel momento, anche se non si dovrebbe, le idee iniziano a farsi un po’ più confuse e si necessità di un po’ più di tempo per poter assimilare in modo corretto una personalità artistica del genere.
Poi si ascolta e riascolta una canzone come “Left Room” (anche se il video, spiace dirlo, non gli rende il giusto merito) e mentre il cuore al caramello inizia a sciogliersi friggendo lentamente, ci si arrende di fronte al fatto compiuto che la forma è zero ed il contenuto è tutto.

In fondo non è certo colpa di Peter Piek, musicista ma anche pittore, se la sua voce si colloca per lo meno un’ottava sopra tutte le altre dei suoi compagni maschietti.
Tutte le altre distinzioni tendono al nulla, persino la sottile differenza che a prima vista si percepisce tra un dipinto ed una canzone. Tutto svanisce nei confini del tempo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=P-uptmHJDsQ[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close