Menu

Recensioni

Twilight – III: Beneath The Trident’s Tomb

2014 - Century Media
black-metal/post-metal

Ascolta

Acquista

Tracklist

1. Lungs
2. Oh Wretched Son
3. Swarming Funereal Mass
4. Seek No Shelter Fevered Ones
5. A Flood Of Eyes
6. Below Lights

Web

Sito Ufficiale
Facebook

Si conclude con questo terzo lavoro l’esperienza dei Twilight, gruppo americano nato originariamente dalle menti di Wrest (Leviathan, Lurker Of Chalice), Blake Judd (Nacthmystium) e Krieg nel lontano 2005 e che si è trasformato col tempo in un vero e proprio collettivo comprendente personaggi dalle scene musicali più disparate.
Se con l’omonimo disco d’esordio il suono della band si appoggiava a stilemi cari ad un black-metal americano abbastanza canonico, è solo con il successivo “Monument To Time End” che i Twilight cominciano a far vedere idee più interessanti.
Grazie all’entrata in formazione di Aaron Turner (Isis, Old Man Gloom, Mamiffer, Jodis ecc), Stavros Giannopoulos (The Atlas Moth) e Sanford Parker (Minsk) infatti lo spettro di sfumature presenti nel loro sound si apre a ventaglio, arrivando a lambire territori più sperimentali e post-metal.

Ora, a quattro anni da quel lavoro la band dà alle stampe questo “III: Beneath The Trident’s Tomb” che vede, ancora una volta, un cambio di rotta.
Dopo aver perso per strada Turner, Judd e Malefic, la nuova formazione, che vede entrare abbastanza inaspettatamente addirittura Thruston Moore (Sonic Youth), crea un opera di sei soffocanti brani, quasi tutti caratterizzati da una durata sopra i sette minuti.
Laddove prima le chitarre creavano riff a cavallo tra black e post-metal , ora tutta l’architettura delle canzoni si sorregge su una base molto più corrosiva e claustrofobica, merito anche e soprattutto dell’esperienza trentennale di Moore con i Sonic Youth che porta prepotentemente la componente noise all’interno del suono della band, come testimoniato dall’iniziale “Lungs”, pesante traccia di apertura caratterizzata da un muro sonoro caotico e disturbante.
La successiva “Oh, Wretched Son”, con i suoi continui cambi di tempo rimane l’episodio più in linea con il precedente lavoro, mentre la lenta e sofferente “Swarming Funeral Mass” aggiunge ad un suono in linea con i Leviathan più atmosferici una componente di rumore devastante.
Sulla stessa linea la successiva “Seek No Shelter, Fevered Ones” che si apre nella seconda metà ad una furia quasi hard-core.
Con una struttura simile troviamo la “Flood Of Eyes”, giocata però molto di più su dissonanze chitarristiche e impenetrabili muri di rumore; rumore che trova la sua forma compiuta nella conclusiva “Below Lights” episodio industriale in cui le percussioni dell’ospite speciale Dave Witte (Human Remains, Burnt By The Sun, Discordance Axis e Municipal Waste tra gli altri), sorreggono le strutture acide e disturbanti delle chitarre e dei synth.

Un lavoro riuscito e molto personale questo “III: Beneath The Trident’s Tomb”, che dimostra appieno la capacità dei componenti di portare all’interno la propria personalità e le proprie influenze.
C’era molta curiosità intorno a questo ritorno dei Twilight e visto il risultato finale direi che le premesse sono state ampiamente mantenute.
Da ascoltare con calma e pazienza.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=I-ENDcsjjJU[/youtube]

Piaciuto l'articolo? Diffondi il verbo!

Altre Recensioni

Close